Blog Posts

Morto il giornalista Giorgos Karaivaz ucciso in un agguato ad Atene ( MDD 18.04.201)

Nel 2020 sono stati uccisi 50 giornalisti in tutto il mondo a causa del loro nobile lavoro È ancora sotto shock l’opinione pubblica greca dopo l’omicidio/ esecuzione avvenuta in pieno giorno (erano circa le 14 dello scorso 9 aprile), del giornalista televisivo Giorgos Karaivaz. Un nome molto amato dal pubblico televisivo greco, che ne apprezzava le inchieste televisive su temi particolarmente scottanti di cronaca nera, criminalità organizzata, ma anche sull’operato delle Forze di polizia elleniche. Giorgos Karaivaz stava tornando a casa

Continua a leggere

L’Isis continua a minacciare le Filippine

Negli scorsi giorni il governo delle Filippine ha reso noto che lo scorso 12 aprile 2021, durante gli scontri armati avvenuti nella città meridionale di Marawi tra esercito, polizia e una cellula locale dello Stato Islamico, è rimasto ucciso il terrorista filippino Usop Nasif meglio noto anche come Abu Asraf. L’uomo che aveva attaccato con degli esplosivi i militari filippini secondo quanto riferito dal Brig. Gen. Jose Maria Cuerpo comandante generale della 103a brigata di fanteria “”Nasif ha sparato alla squadra,

Continua a leggere

Quando lo 007 cambia Bandiera (Panorama 06.04.2021)

di Stefano Piazza- Luciano Tirinnanzi L’ufficiale della Marina militare italiana arrestato dopo aver passato documenti segreti Nato a un ufficiale delle forze armate russe, è solo l’ultimo di una lunga serie di spie che tradiscono il proprio Paese. In Italia non accadeva da tempo, anche se Roma è sempre stata terra di mezzo dello spionaggio internazionale, come un tempo lo fu Berlino. E come oggi lo è Teheran, dove lo scambio d’informazioni riservate qui può provocare o impedire direttamente lo scoppio

Continua a leggere

Russi, cinesi e turchi a caccia di segreti militari e industriali. Allarme spie in Europa (MDD 11.04.2021)

Il Capitano di fregata della Marina Militare italiana Walter Biot arrestato lo scorso 30 marzo in un parcheggio di Roma insieme a Dmitrij Ostroukhov, ufficiale in servizio presso l’Ambasciata russa in Italia, avrebbe ceduto ai russi con i quali era in contatto da almeno cinque mesi 181 documenti di cui nove “riservatissimi” e ben 47 classificati come “NATO Secret” in cambio di denaro (5.000 euro alla volta). A pochi giorni dai clamorosi arresti, Claudia Carbonara, moglie dell’ufficiale italiano, ha raccontato alla

Continua a leggere

Terrorismo: La strage di Pasqua sventata in Francia dai servizi segreti marocchini mentre non si fermano le espulsioni dall’Italia.

Stanno emergendo con il passare delle ore i dettagli dell’operazione antiterrorismo che nella notte tra sabato e domenica u.s. intorno alle 01.30 a Béziers dipartimento dell’Hérault nella regione dell’Occitania, durante la quale erano state arrestate quattro donne tutte della stessa famiglia francese di origine marocchina, durante un’operazione antiterrorismo. Una di loro stava stava per immolarsi in un attacco suicida che sarebbe avvenuto in una chiesa di Béziers (o nei dintorni), forse già la stessa mattina del 4 aprile 2021 non

Continua a leggere

Maxi evasione da un carcere della Nigeria. In fuga almeno 1.800 detenuti.

Nuova azione terroristica in Nigeria dove che lo scorso 4 aprile 2021 un gruppo armato ha attaccato un carcere nello stato di Imo uno dei 36 stati della Nigeria, situato nel sud della Nigeria con capitale Owerri dove da lungo tempo la quotidianità è scossa dalle tensioni tra  i gruppi separatisti nigeriani e le autorità federali. Durante l’attacco i miliziani equipaggiati con mitragliatori ed esplosivi, hanno causato una delle più importanti evasioni carcerarie di massa del paese dell’Africa occidentale visto

Continua a leggere

CAOS MOZAMBICO/ “Un nuovo stato islamico scatenerà l’emigrazione verso l’Ue” (Sussidiario.net.) 04.04.2021

  Nel nord del Mozambico milizie jihadiste stanno per proclamare un nuovo Stato islamico con conseguenze imprevedibili. Lo Stato non esiste e regna la corruzione Palma, città costiera nel nordest del Mozambico è caduta nelle mani delle milizie jihadiste con una strage che ha provocato centinaia di morti anche tra i bambini, decapitati. Da anni queste forze combattono nella regione di Cabo Delgado dove si trova il più ricco progetto di estrazione di gas naturale di tutta l’Africa, gestito dalla

Continua a leggere

La Turchia dà l’ennesimo schiaffo ai diritti delle donne. (MDD 04.04.2021)

Lo scorso 20 marzo il presidente turco Tayyip Recep Erdogan ha deciso con un blitz notturno, di ritirare la Turchia dalla “Convenzione di Istanbul”. Si tratta dell‘accordo internazionale “per la prevenzione e il contrasto della violenza contro le donne, lo stupro coniugale e le mutilazioni genitali femminili”. Una decisione nefasta quella di Erdogan resa ancor più incredibile dal fatto che proprio la Turchia era stato il primo Paese ad apporre la sua firma nel 2011 seguita da 34 Paesi europei e in

Continua a leggere

Italia, terra di spionaggio (dalla Russia e dalla Turchia) Panorama.it 02.04.2021

Il capitano di fregata della marina militare italiana Walter Biot arrestato in un parcheggio di Roma insieme ad un ufficiale russo in servizio presso l’ambasciata russa in Italia lo scorso 30 marzo dai carabinieri del Raggruppamento operativo speciale (Ros) dopo essere stato fermato assieme ad un ufficiale delle forze armate russe, avrebbe venduto “documenti classificati” in cambio di cinquemila euro. A poche ore dai clamorosi arresti, Claudia Carbonara, moglie dell’ufficiale italiano, ha raccontato alla stampa di come il marito abbia

Continua a leggere

Recensione ” I Semi del Male. Da Al Qaeda a ISIS la stirpe del terrorismo”.

di Francesco Cirillo  Da dove viene l’attuale situazione del terrorismo di matrice islamica? Bisogna ripercorrerne le orme partendo dall’intervento dei servizi segreti sovietici in Afghanistan e proseguendo con la quarantennale guerra civile che ne è conseguita tra mujaheddin e forze islamiche radicali, contesto nel quale un giovane Osama Bin Laden inizia a maturare il proprio peso politico, ed anzi a covare uno spirito di vendetta nei confronti degli USA, rei, per tramite della CIA, di avergli fatto importanti promesse politiche

Continua a leggere

I curdi annunciano che 53 membri dell’Isis sono stati arrestati nel campo siriano di Al-Hol.

Importante operazione di sicurezza anti-ISIS da parte delle forze curde che nelle scorse ore sono intervenute nel campo profughi di Al-Hol che si trova nella periferia meridionale della città di al-Hawl, nel nord della Siria , vicino al confine con l’Iraq. Secondo le prime informazioni sono stati arrestati 53 membri dell’ISIS.  Da tempo le autorità curde hanno piu’ volte avvertito che l’insediamento, che ospita ormai almeno 62.000 persone, “si sta trasformando in una polveriera estremista a causa dei membri dell’ISIS che si nascondono tra i

Continua a leggere

Franco Posa risolve i cold case Caccia al “Mostro di Milano” (MDD 28.03.2021)

Il dottor Franco Posa di Bellinzona, attualmente direttore scientifico di “NeuroIntelligence”, attivo in diversi paesi è di nuovo alla prese con un caso che affonda le radici nel passato. Stavolta si tratta di un serial killer denominato dalla stampa “il mostro di Milano” che tra il 1963 e il 1976, ha ucciso otto donne. C’è chi è convinto che sarebbero undici i delitti collegati tra loro. Di questi delitti se ne è occupato il “Corriere della Sera” che ha rivelato in più inchieste come

Continua a leggere

Smantellata una cellula dello Stato islamico che pianificava attacchi in Marocco

Secondo il quotidiano spagnolo “La Razon” è terminata nelle scorse ore una grossa operazione degli agenti dell’antiterrorismo marocchini in collaborazione con l’intelligence degli Stati Uniti con i quali è stata smantellata una cellula dell’Isis che stava preparando una serie di attacchi dopo aver effettuato l’addestramento nei campi nel Sahel africano. I quattro uomini arrestati dal “Briaga Central de Investigaciones Judicial” (BCIJ), il braccio operativo della Direzione generale della sorveglianza del territorio (DGST),si nascondevano nella città di Oujda che si trova

Continua a leggere

Nuovo arresto in Spagna; Fermato Mohamed Hatem Rohaibani Sleik, tesoriere dell’Unione delle comunità islamiche di Spagna (Ucide)

Dopo l’arresto del Presidente della Commissione islamica di Spagna Mohamad Ayman Adlbi (CIE) avvenuto la notte del 23.03.2021 a Madrid, è arrivato questa notte un nuovo arresto per ordine del giudice del Tribunale nazionale spagnolo Joaquín Gadea. Il fermato è Mohamed Hatem Rohaibani Sleik, tesoriere dell’Unione delle comunità islamiche di Spagna (Ucide) per il quale è stata disposta la detenzione provvisoria senza cauzione. L’accusa è la stessa mossa a Mohamad Ayman Adlbi ovvero la presunta appartenenza a un’organizzazione terroristica e

Continua a leggere

Clamoroso in Spagna: Mohamad Ayman Adlbi Adlbi presidente della Commissione islamica di Spagna (Cie), è stato arrestato per terrorismo.

La notizia dell’arresto del 74enne medico di origine siriana è stata data poche ore fa dal quotidiano online “La Razon” che ha parlato del dispositivo emesso dalle autorità spagnole come di un atto “diretto contro un presunto schema di finanziamento jihadista con ramificazioni internazionali”. Il fermo è avvenuto ieri sera nella sua casa di Madrid (martedì 23.03.2021) al termine di un blitz effettuato dagli agenti del “Commissariato per le informazioni generali” (CGI) che oltre a Mohamad Ayman Adlbi Adlbi , presidente

Continua a leggere

Terrorismo: rinviato a giudizio il foreign fighter abruzzese che viveva a San Gallo arrestato in Turchia nel gennaio 2021

Due mesi fa il 24enne Stefano C era stato arrestato in Turchia con l’accusa di essere un foreign fighter. Ora il giovane che viveva a San Gallo (Svizzera)dove i suoi genitori erano emigrati dall’Abruzzo, è stato rinviato a giudizio e verrà processato il prossimo 5 ottobre 2021 dalla corte d’assise dell’Aquila per i seguenti reati; “associazione e arruolamento con finalità di terrorismo internazionale, apologia del terrorismo e istigazione a commettere delitti di terrorismo” reato commesso attraverso Facebook dove aveva pubblicato alcuni

Continua a leggere

Nîmes: due giovani donne arrestate dalla DGSI per aver finanziato il terrorismo.

Nuova operazione antiterrorismo in Francia dove qualche giorno fa a Nîmes capoluogo del dipartimento del Gard nella regione dell’Occitania, gli uomini della Direzione generale della sicurezza interna (DGSI) su impulso dell’Ufficio del Procuratore nazionale antiterrorismo (PNAT), hanno arrestato due donne di 28 e 29 anni. Le indagini che hanno portato al loro fermo hanno provato che dal 2014 incassavano l’aiuto sociale (decine di migliaia di euro) che poi giravano ad una terza sorella radicalizzata che vive da tempo in Siria.

Continua a leggere

Le cellule del califfato nero si riorganizzano in Europa nell’indifferenza generale (MDD 21.03.2021)

Lo scorso 8 marzo il ministero dell’ Interno italiano ha comunicato l’incriminazione del 35enne algerino Athmane Touami, alias Tomi Mahraz, avvenuto a Bari al termine di una lunga indagine. Per Luciana Lamorgese, titolare del Viminale: ‘ l’operazione congiunta tra magistratura e Polizia di Stato che ha condotto al fermo di un cittadino algerino per associazione con finalità di terrorismo internazionale conferma, ancora una volta, l’efficace azione di prevenzione e di contrasto svolta nei confronti dei gruppi terroristi e del fenomeno della radicalizzazione e del

Continua a leggere

Terrorismo, istigava alla jihad: espulso dall’Italia un 28enne tunisino.

Nuova espulsione dall’Italia lo scorso 18 Marzo 2021 “per apologia e istigazione a delinquere con finalità di terrorismo. Stavolta ad essere rimpatriato verso la Tunisia è stato il 28enne Nairi Nasir già irregolare in Italia sul quale la Digos e i carabinieri di Torino avevano iniziato ad indagare già nello scorso ottobre quando al termine di una funzione religiosa in una moschea aveva rimproverato all’imam il fatto che durante il suo sermone aveva condannato l’azione terroristica contro il professore parigino

Continua a leggere

Ancora orrore in Mozambico: Ora l’Isis decapita anche i bambini

Si aggrava ulteriormente la situazione in Mozambico dove secondo “Save the Children” i militanti islamisti che dal 2017 mettono a ferro e fuoco Cabo Delgado la provincia settentrionale più povera del Mozambico che è ricca di enormi risorse minerarie e di gas, durante le loro ultime azioni hanno decapitato bambini di appena 11- 12 anni. Dall’inizio dell’insorgenza piu’ di 670mila le persone sono fuggite dall’area, 2.600 i morti tra i quali 1.312 civili. Secondo quanto riportato dalla BBC una madre

Continua a leggere

Saldo il potere di Kim Jong-un Mistero sulla sorella retrocessa (MDD 14.03.2021)

Corea del Nord: per finanziare il proprio programma nucleare utilizza il cybercrimine Lo scorso 2 marzo 2021 l’Agenzia internazionale per l’energia atomica delle Nazioni Unite (IAEA) ha lanciato un nuovo allarme sulla Corea del Nord che nonostante le sanzioni dell’Onu in vigore dal 2006 continua a portare avanti il suo programma nucleare. Secondo l’IAEA Pyongyang continua ad essere “una causa di grande preoccupazione”, anche perché da quasi due anni nulla si è mosso nei negoziati per la sua denuclearizzazione. Preoccupazione che

Continua a leggere

ALLARME TERRORISMO/ “In Uk, Francia e Germania 72mila islamisti pronti a uccidere” ( Il Sussidiario.net. 12.03.2021)

Policemen stand guard near the scene of the knife attack at the Notre Dame church in Nice, France, Thursday, Oct. 29, 2020. An attacker armed with a knife killed three people at a church in the Mediterranean city of Nice, the third attack in two months in France. (AP Photo/Daniel Cole)

Nel giorno in cui l’Europa commemora le vittime del terrorismo, il coordinatore nazionale dell’intelligence e dell’antiterrorismo francese, Laurent Nuñez, lancia, in una intervista su Le Figaro, l’allarme terrorismo: “Lo Stato islamico si sta ricostruendo nella clandestinità” ha affermato. Che in Siria siano di nuovo attive milizie islamiste si sapeva da tempo, ma che l’Europa possa tornare a essere teatro di possibili stragi preoccupa. Secondo Stefano Piazza, esperto di terrorismo, “commette un grave errore chi si illude che questa guerra che ci

Continua a leggere

Ayaan Hirsi Ali «Chi governa in Europa non vuole vedere il fondamentalismo islamico» Panorama 10.03.2021

di Stefano Piazza – Luciano Tirinnanzi Figlia di un leader politico islamico, sottoposta all’infibulazione, costretta a sposare uno sconosciuto, Ayaan Hirsi Ali è «la donna che visse tre volte». La sua prima vita la spende in Somalia fino ai vent’anni, seguendo i rigidi dettami dell’Islam radicale e del padre-padrone. La seconda inizia dopo le nozze combinate: spedita su un volo per il Canada per convivere con l’esponente di un potente clan somalo, approfitta di uno scalo tecnico per fuggire. In

Continua a leggere

Muhammad Bin Salman scaricato dagli Stati Uniti? (MDD 07.03.2021)

Dopo che lo scorso 25 febbraio la nuova Amministrazione americana ha diffuso un rapporto dell’intelligence che indica il principe ereditario dell’Arabia Saudita Muhammad bin Salman come responsabile dell’uccisione del giornalista Jamal Khashoggi, il Regno saudita si trova nuovamente a dover affrontare una nuova tempesta mediatica che avrà pesanti ripercussioni interne ma soprattutto internazionali. Il nemico numero uno  Come è noto il 60enne giornalista saudita scomparve il 2 ottobre 2018, all’interno del Consolato saudita di Istanbul dove si era recato per ottenere

Continua a leggere

OMICIDIO ATTANASIO/ “Ucciso il magistrato che indaga, si vuole coprire qualcosa” (Sussidiario.net 06.03.2021)

United Nations peacekeepers and Congolese forces guard an area leading to where bodies were found near to where a U.N. convoy was attacked and the Italian ambassador to Congo killed, in Nyiragongo, North Kivu province, Congo Monday, Feb. 22, 2021. The Italian ambassador to Congo Luca Attanasio, an Italian Carabineri police officer and their Congolese driver were killed Monday in an attack on a U.N. convoy in an area that is home to myriad rebel groups, the Foreign Ministry and local people said. (AP Photo/Justin Kabumba)

Si complica, con una striscia di sangue che si allunga, il mistero intorno alla morte dell’ambasciatore italiano in Congo, Luca Attanasio. Nelle scorse ore, infatti, sulla stessa strada dove è caduto in una imboscata il nostro diplomatico, a circa 50 chilometri da Goma, è stato ucciso il magistrato militare incaricato di indagare sul caso: William Assani è stato colpito a morte lungo il tratto Rutshuru-Goma, mentre “stava tornando da una riunione nell’ambito dell’inchiesta sulla sicurezza dell’area e in particolare sull’omicidio dell’ambasciatore italiano

Continua a leggere

Svezia: Rifugiato afgano accoltella 8 persone. Per la Polizia è terrorismo.

Momenti di terrore ieri 3 marzo 2021 a Vetlanda una piccola città dello Småland (Svezia), dove intorno alle 15.00 un 22enne afgano si è scagliato contro i passanti armato di un grosso coltello. Il bilancio parla di almeno otto persone che sono rimaste ferite – tre delle quali sono in gravi condizioni seppur non in pericolo di vita. Secondo le informazioni raccolte dalla stampa svedese il 22enne aveva presentato domanda per un permesso di soggiorno per la prima volta nel

Continua a leggere

Agguato in Congo: disattese tutte la procedure di sicurezza, ma la verità è lontana Come morire nel Paese più corrotto e pericoloso del mondo ( MDD 28.02.2021)

Nonostante siano passati alcuni giorni dai drammatici eventi nei quali lo scorso 22 febbraio (intorno alle 10 ore locali, le 9.00 in Europa), nei pressi della città di Kanyamahoro, a pochi chilometri a nord della capitale regionale Goma hanno perso la vita l’ambasciatore italiano in Congo Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista Mustapha Milambo uccisi da un commando armato, restano ancora molte zone d’ombra e veri e propri misteri su quanto accaduto. Intanto, prima dei funerali

Continua a leggere

Berlino: Nuovo gruppo salafita messo fuori legge

Nella tarda mattinata dello scorso 25 febbraio 2021 le autorità di Berlino al termine di una gigantesca operazione antiterrorismo, hanno comunicato via Twitter, di aver messo al bando l’associazione jihadista-salafita “Jama’atu Berlin” conosciuta anche come “Tauhid Berlin”. Durante l’operazione scattata alle prime ore dell’alba nei distretti della capitale tedesca di Reinickendorf, Moabit, Wedding e Neukölln per la quale sono stati mobilitati 800 uomini delle forze dell’ordine (compresi i commando delle operazioni speciali), oltre ai locali dell’associazione islamica, sono state perquisite

Continua a leggere

Le negligenze dell’Onu sulle morti di Attanasio e Iacovacci (Panoroma.it 24.02.2021)

Andrea Soglio – Stefano Piazza «Abbiamo chiesto all’Onu una relazione dettagliata sull’accaduto e sulle misure di sicurezza prese per la missione del nostro ambasciatore». Nella sua informativa alla Camera sull’assalto avvenuto in Congo e costato la vita all’ambasciatore Luca Attanasio ed alla sua scorta, il Carabiniere Vittorio Iacovacci, il Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio ha di fatto gettato la palla nel campo delle Nazioni Unite. Di Maio ha raccontato i momenti dell’assalto secondo le ricostruzioni fatte dalle autorità congolesi,

Continua a leggere

Condannato a dieci anni e mezzo di carcere il Predicatore senza volto Abu Walaa. Per i Giudici era il capo dell’Isis in Germania.

Il predicatore estremista Ahmad Abdulaziz Abdullah A, meglio conosciuto come Abu Walaa diventato celebre anche perché si faceva riprendere durante i suoi video sempre di spalle per nascondere il proprio viso, è stato condannato ieri mattina a dieci anni e mezzo di detenzione dalla Corte regionale superiore di Celle. Si tratta di una pena leggermente piu’ lieve visto che l’ufficio del procuratore federale aveva chiesto per lui undici anni e mezzo di reclusione e tra quattro e mezzo e dieci

Continua a leggere

Gli interrogativi attorno alla missione in Congo dell’ambasciatore Attanasio (Panorama.it 22.02.2021)

Andrea Soglio- Stefano Piazza  Dubbi, perplessità, lati oscuri. Ci sono alcune domande che restano senza risposta sulla dinamica dell’assalto al convoglio Onu costato la vita all’ambasciatore italiano Luca Attanasio e al Carabiniere Vittorio Iacobacci. Le notizie che arrivano dal Congo sono ancora poche e mancano diversi dettagli importanti per capire cosa sia successo, chi sia stato e perché. Ci sono però delle cose sicure da cui partire nell’analisi: che la zona dove è avvenuto l’assalto sia ad alto rischio lo

Continua a leggere

Congo: Muoiono in un attacco l’ambasciatore italiano, un carabiniere della sua scorta e il loro autista.

L’ambasciatore italiano Luca Attanasio, ambasciatore italiano nella Repubblica Democratica del Congo, è rimasto ucciso questa mattina intorno alle 10 ore locale ( le 9.00 in Europa) in attacco nei pressi della città di Kanyamahoro, a pochi chilometri a nord della capitale regionale Goma. Insieme al diplomatico italiano padre di tre figli, è deceduto anche il carabiniere 31enne Vittorio Iacovacci che lo scortava e il loro autista. Non è ancora chiaro il movente dell’attacco tuttavia, le prime testimonianze raccolte sul posto

Continua a leggere

Nuova beffa in Inghilterra: Predicatore estremista condannato a morte in Egitto per terrorismo ottiene l’asilo politico.

Yasser Al-Sirri, 58 anni, ha chiesto asilo per la prima volta nel 1994 dopo essere stato condannato a morte in Egitto per aver complottato per uccidere il premier. Il predicatore islamico egiziano Yasser Tawfiq Ali El-Sirri – Abu Ammar, già membro della Jihad islamica egiziana, condannato a morte in contumacia in Egitto nel 1994 in seguito al tentato omicidio del primo ministro egiziano Atef Sedki nel quale venne uccisa una studentessa di 12 anni, è riuscito ad ottenere lo status

Continua a leggere

Secondo la Rivista scientifica “The Lancet” il preparato russo Sputnik V funziona al 91.6%. Intanto aumentano i cyberattacchi contro i produttori di vaccini. (MDD 21.02.2021)

Il vaccino contro il coronavirus di produzione Sputnik ha un’efficacia superiore al 90% e questo secondo i risultati di uno studio pubblicato sull’autorevole rivista scientifica “ Lancet”. Secondo quanto dichiarato dai ricercatori ai test della terza fase di sperimentazione avrebbero partecipato oltre 20′ risultati preliminari dei trial parlano di un’efficacia del vaccino del 91.6%. Dallo studio inoltre emerge che “non ci sarebbero stati effetti collaterali gravi correlati alla vaccinazione” e le tre morti avvenute durante la fase di sperimentazione sono

Continua a leggere

Violenza jihadista senza freni in Africa. Nel 2020 4.958 atti violenti mentre il 2021 si annuncia peggiore.

Nel 2020 la violenza jihadista che insanguina l’Africa ha fatto registrare cifre da record in un trend che dal 2016 è in drammatica e costante crescita. Gli episodi di violenza sono stati 4.958 (+ 43% rispetto al 2019) commessi da Al Qaeda e dallo Stato Islamico che agiscono attraverso i loro gruppi locali attivi nel continente. Atti che hanno causato secondo il centro studi del Pentagono “Africa Center for Strategic Studies” (ACSS), 13.059 morti dei quali 4.333 in piu’ rispetto

Continua a leggere

USA: Ilhan Omar deputata anti-israeliana attivista del BDS è stata nominata vicepresidente della “Sottocommissione per gli affari esteri della Camera sull’Africa, salute globale e Diritti umani globali”

Lo scorso 12 febbraio 2021 l’esponente del partito democratico americano Ilhan Omar (rappresentante al Congresso per lo Stato del Minnesota), ha annunciato di essere stata nominata quale vicepresidente della “Sottocommissione per gli affari esteri della Camera sull’Africa, salute globale e Diritti umani globali”. Questo sottocomitato ha giurisdizione sull’assistenza in casi di calamità, sostegno e protezione dei diritti umani e la supervisione su questioni sanitarie internazionali, salute materna, sopravvivenza dei bambini, Croce Rossa americana, Peace Corps e altre istituzioni regionali. Ilhan Omar, che

Continua a leggere

Esercitazioni militari nell’Artico e nel Mare Cinese sullo sfondo di tensioni . Russia e Cina, prove tecniche di una nuova guerra fredda (MDD 14.02.2021)

Non c’è solo la Cina nell’agenda della nuova Amministrazione americana. Dopo quattro anni di sostanziale calma, per la prima volta nella storia l’aeronautica militare degli Stati Uniti sono stati inviati in Norvegia quattro bombardieri B-1 della US Air Force, mentre 200 membri del personale della Dyess Air Force in Texas stanno per arrivare sul suolo norvegese e più precisamente nella base aerea di Orland, vicino a Trondheim. Lì sono da tempo stati dispiegati i caccia “stealth” di quinta generazione Lockheed

Continua a leggere

Germania, sventato attentato terroristico con armi chimiche (Panorama.it – 12.02.2021)

Si è avuta nelle scorse ore da parte della polizia tedesca, la conferma dell’operazione antiterrorismo avvenuta tra il 6 e l’8 febbraio 2021 in Germania, Polonia e Danimarca che ha evitato un possibile attacco terroristico dello Stato islamico in Europa. Grazie ad una soffiata ricevuta da un Pese amico, ed alla stretta collaborazione tra l’intelligence tedesca e il “Politiets Efterretningstjeneste” (PET) i servizi segreti danesi, sono state arrestate sette persone mentre altre cinque sono state interrogate e restano tuttora indagate

Continua a leggere

Cina e USA: prove tecniche di guerre stellari ( Spazio Libero CdT 11.02.2021)

Negli ultimi anni la Repubblica Popolare Cinese ha aumentato in maniera massiccia la propria presenza nello spazio. Suscitando l’allarme di Washington, decisa a contrastare questo attivismo mantenendo la propria superiorità. Mentre il nuovo presidente americano Joe Biden completa la squadra non senza contraddizioni, e il neosegretario di Stato Antony John Blinken è alle prese con il suo primo giro di consultazioni con i ministri degli Esteri dei Paesi alleati e non, si delineano alcune linee guida della nuova Amministrazione, ad

Continua a leggere

La Casa Bianca in pressing sul Sultano di Ankara: Saranno quattro anni complicati per Recep Tayyip Erdoğan

Lo Stato islamico sconfitto militarmente nel marzo del 2019 e che oggi vive una nuova rinascita in Siria e in Iraq ( senza dimenticare Africa e sud est asiatico),  può’ fare affidamento su ingenti riserve di denaro. Secondo un documento del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, la riserva finanziaria del gruppo sarebbe pari a circa 100 milioni di dollari nascosti in Medio Oriente, la maggior parte dei quali in Turchia.Una cifra importante anche se molto lontana dai 2 miliardi

Continua a leggere

Intervista a Maurizio Belpietro, direttore de La Verità e di Panorama. Matteo Renzi affonda il Conte-ter e ora tocca a Mario Draghi (MDD 07.02.2021)

In Italia dopo il governo giallo-verde anche quello giallo-rosso è caduto e stavolta per mano di Matteo Renzi lui che aveva avuto un ruolo decisivo nella formazione dello stesso dopo lo strappo di Matteo Salvini. Che crisi è questa, uno scontro personale tra Conte e Renzi o c’è dell’altro ma soprattutto, riuscirà Mario Draghi a formare un governo di “alto profilo” come indicato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ? Di questa complessa situazione ne abbiamo parlato con Maurizio Belpietro

Continua a leggere

Mario Draghi per far ripartire l’Italia. E’ l’ultima occasione.

Dopo il fallimento dell’ultima trattativa condotta da Roberto Fico, Presidente della Camera dei Deputati, che ha provato fino all’ultimo la mediazione tra Matteo Renzi e il resto della compagine governativa, il Presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella ha conferito a Mario Draghi, ex presidente della Banca centrale europea, l’incarico di costruire “un Governo di alto profilo” aperto a tutte le forze politiche che guardano all’Europa e naturalmente a chi vorrà starci. C’è chi ha parlato di colpo di scena ma

Continua a leggere

L’Isis torna a ruggire in Iraq e l’esperto avvisa l’Europa: “Non dobbiamo mai perdere la capacità di immaginare l’inimmaginabile”. (MDD 31.01.2021)

Lo Stato Islamico (ISIS) ha rivendicato il doppio attentato suicida dello scorso 22 gennaio 2021 a Baghdad (Iraq) che ha ucciso almeno 36 persone, ferendone 120. L’attentato avvenuto in piazza Tayaran, nei pressi di un mercato di vestiti usati molto frequentato, nel centro della città è stato compiuto da due kamikaze (uno saudita). Il primo attentatore suicida aveva affermato di essere malato e mentre le persone si erano avvicinate a lui per aiutarlo, ha azionato il suo giubbotto esplosivo. Il secondo attentatore

Continua a leggere

Indonesia: Sei persone accusate di aver violato la legge islamica sono state frustate in piazza.Tra loro una coppia gay.

Non si fermano le fustigazioni pubbliche nella regione di Aceh (Indonesia) che si trova sulla punta settentrionale dell’isola di Sumatra, dove lo scorso 28 gennaio 2021 sei persone accusate di aver violato la legge islamica, sono state sottoposte a quello che autorità locali chiamano “tortura pubblica”. Tra le persone fustigate c’era anche una coppia di uomini arrestati nel novembre scorso all’interno di un albergo a ore, ai quali sono stati inflitti 80 colpi a testa. La fustigazione pubblica è una

Continua a leggere

Eliminato il vice Capo dell’Isis e responsabile del gruppo terroristico in Iraq Abu Yasser al-Issawi

Le forze di sicurezza irachene hanno annunciato nelle scorse ore di aver eliminato il vice Capo dell’Isis e responsabile del gruppo terroristico in Iraq Jabbar Salman Saleh Ali Al-Issawi-Abu Yasser al-Issawi. Secondo il primo ministro iracheno Mustafa al-Kadhemi,  Abu Yasser al-Issawi era il “wali” dell’ISIS (il governatore) e sarebbe stato ucciso in una “operazione guidata dall’intelligence dalle forze di sicurezza irachene” in una zona remota della provincia irachena settentrionale di Kirkuk dove da giorni si erano concentrate le attività della

Continua a leggere

Maldive: Sventato attacco terroristico in una scuola.

Le autorità di sicurezza delle Maldive nel corso di una conferenza stampa tenutasi lo scorso 26 gennaio 2021, hanno affermato di aver sventato lo scorso mese di novembre, una strage in una scuola della capitale Male nella quale erano in corso degli esami. L’attacco era stato preparato da otto affiliati (tutti maldiviani), dell’Isis che sono stati tutti arrestati. La cellula terroristica si era addestrata su alcune isole disabitate e aveva confezionato un potente ordigno ordigno esplosivo rinvenuto insieme a fucili

Continua a leggere

Nel Golfo Persico si stempera la crisi diplomatica con il Qatar (Il Mattino della Domenica 24.01.2021)

In Arabia Saudita sorgerà NEOM: la città da 500 miliardi di dollari più’ grande di New York. Non si fermano in Arabia Saudita, -il più grande produttore ed esportatore al mondo di petrolio (tallonata da Russia e Usa) e anche uno dei più grandi inquinatori- i lavori di NEOM la metropoli ecologica e high-tech “a zero automobili, zero strade, zero emissioni di CO2″ voluta dal principe ereditario Moḥammad bin Salmān Āl Saʿūd (MBS). La città costruita nel deserto e sul Mar

Continua a leggere

MAL D’AFRICA Così il fronte del terrore nel Continente minaccia l’Europa ( Panorama 20.01.2021)

di Stefano Piazza – Luciano Tirinnanzi Il 2021 si preannuncia come un altro anno di ondate migratorie incontrollate dall’Africa al Mediterraneo. Se nel 2020 l’intero continente, testa di ponte per le migrazioni, aveva segnato un aumento del 13 per cento nelle attività illegali legate al traffico di migranti, i primi segnali di gennaio non fanno che confermare il trend: 340 migranti sbarcati nei primi dieci giorni di gennaio 2021, che segnano un + 7 rispetto al 2020 (quando erano stati

Continua a leggere

Ecco perché l’Africa è il nuovo campo di battaglia jihadista (MDD 17.01.2021)

ll continente africano scosso quotidianamente dalla violenza e dai massacri islamici Il Consiglio Ue ha prorogato negli scorsi giorni il mandato della missione dell’Ue “Eucap Sahel Mali” fino al gennaio del 2023 e le ha assegnato un bilancio di 89 milioni di euro per tale periodo. Il Consiglio ha inoltre deciso di adeguare il mandato della missione per potenziarne la capacità di assistere e consigliare le forze di sicurezza interna del Mali sostenendo un graduale ridistribuzione delle autorità amministrative civili al

Continua a leggere

La Nuova Vita di Lady Isis ( Panorama 14.01.2021)

di Stefano Piazza- Luciano Tirinnanzi Si chiama Fatin al-Mandlawi. Era una jihadista, combatteva per lo Stato Islamico in Siria, nella famigerata Brigata Al Khansa, una sorta di buoncostume tutta al femminile dell’Isis. Come le altre, svolgeva compiti di polizia, reclutamento e gestione delle foreign fighters per il Califfato. In breve, ne divenne il capo. Davanti ai suoi occhi sono state compiute atrocità e sevizie di ogni genere. Diceva che avrebbe voluto farsi saltare in aria. Invece, oggi è una tranquilla

Continua a leggere

Scarcerato l’ex portavoce di Osama Bin Laden. Ora vive a Londra in una villa costata ai contribuenti 1.2 milioni di sterline.

Il 60enne Adel Mohammed Abdel Magid Abdel Bari già portavoce di Osama Bin Laden, nelle scorse settimane è tornato in Inghilterra dopo che un giudice di New York nel novembre scorso, aveva deciso che il prigioniero in carcere “avrebbe potuto contrarre il Covid-19 anche a causa della sua obesità”. Adel Abdul Bary che sarebbe comunque uscito di galera alla fine di dicembre 2020 è nato in Egitto nel 1960 e ottenne asilo politico in Gran Bretagna nel 1991. Disse all’epoca

Continua a leggere

Chi Controlla i Social Network ?

Non si fermano le polemiche dopo l’assalto al Congresso degli Stati Uniti perché a scuotere nuovamente la democrazia americana -fragile come mai prima d’ora- c’è la decisione di Facebook e Twitter di sospendere a tempo indeterminato gli account di Donald Trump che solo su Twitter ha 88 milioni di follower. Una scelta assunta molto probabilmente nel timore di nuove violenze a ridosso del giorno nel quale Joe Biden, il nuovo Presidente degli States, entrerà in carica (20 gennaio 2021). La

Continua a leggere

Francia: oltre il 40% degli insegnanti afferma di autocensurarsi per evitare di offendere i propri studenti musulmani.

L’ultimo studio pubblicato dall’istituto IFOP per la fondazione Jean Jaurès e Charlie Hebdo dal titolo “proteste contro la laicità e le forme di separatismo religioso a scuola”, mostra come in Francia il numero di atti di protesta contro la laicità dello Stato è in aumento nelle scuole dell’Esagono. Il sondaggio arriva a quasi tre mesi dall’assassinio del professor Samuel Paty, è stato condotto online “tra il 10 al 17 dicembre 2020 su un campione di 801 insegnanti di primo e secondo

Continua a leggere

Donald Trump riconosce la sconfitta e chiede la “riconciliazione” nell’America più’ divisa che mai

Quanto accaduto a Washington in occasione della riunione del Congresso che doveva ratificare l’elezione di Joe Biden, non puo’ che obbligarci a riflettere su quanto accaduto negli ultimi mesi negli States. Veniamo ai fatti: Donald Trump dalla notte elettorale del 3 novembre 2020 non ha mai voluto ammettere di essere stato sconfitto al termine di una campagna elettorale da lui condotta in maniera dissennata e irresponsabile, accusando i Democratici di aver compiuto brogli elettorali tali da “rubargli la vittoria”. Insomma,

Continua a leggere

Diplomazia dei Vaccini un Gioco Strategico (Spazio Libero CdT 07.01.2021)

La Turchia di RecepTayyip Erdoğan si è recentemente aggiunta agli oltre 100 Paesi che, secondo i media ufficiali cinesi, hanno ordinato il vaccino contro il SARS CoV-2 prodotto da aziende cinesi che, a proposito di trasparenza, stanno mostrando i consueti ritardi e numerose omissioni in merito ai dati sulla sicurezza e sull’effettiva efficacia del vaccino. In ogni caso China National Biotec Group (CNBG), azienda di proprietà di Sinopharm, sta sperimentando due vaccini già nella terza fase dei test in Argentina,

Continua a leggere

Cosi’ l’ISIS prosegue sulla strada che porta alla rinascita nel “Siraq” mentre Bashar Assad è ancora al suo posto.

Mentre in Europa l’attenzione mediatica è rivolta quasi esclusivamente alla pandemia  l’ISIS in Siria e in Iraq, prosegue sulla strada che porta alla sua rinascita. Dopo una lunga serie di piccoli attacchi contro soldati e istallazioni petrolifere, negli scorsi giorni i miliziani jihadisti hanno messo a segno uno dei più grandi attacchi compiuti dalla caduta dell’ultima roccaforte di Baghouz (marzo 2019) che determino’ la definitiva sconfitta (almeno quella militare), dell’ultima roccaforte dell’autoproclamato Stato islamico. Sono infatti 40 le vittime dell’attacco

Continua a leggere

Sicurezza Europea: Il Disastro della Brexit

Con l’ultima espulsione di un cittadino kosovaro di 28 anni avvenuta lo scorso 14 dicembre u.s, le espulsioni dal territorio nazionale italiano sono salite a 55 per l’anno 2020. Il cittadino kosovaro del quale sono state rese note solo le iniziali F. B. nel 2018 era stato condannato a 4 anni di reclusione per partecipazione ad associazione con finalità di terrorismo anche internazionale. Gli approfondimenti investigativi avevano documentato il fanatismo di natura jihadista nonché l’attività di propaganda a favore del

Continua a leggere

Grosso Imbroglio con Sceicco (Panorama 30.12.2020)

Ci sono un arabo, un italiano e un parco giochi da 6 miliardi di dollari. Anzi no, i 6 miliardi non ci sono più: al loro posto, una truffa colossale e una sentenza di Tribunale inapplicata. Sembra una barzelletta, ma è quanto accaduto tra il Qatar, l’Italia e il Regno Unito dopo che la frode ha preso corpo per mezzo di un faccendiere torinese pluricondannato. Vediamo meglio di spiegare l’intricata storia e capire dove siano finiti quei soldi (spoiler: sono ancora

Continua a leggere

I morti per il Coronavirus in Russia? Tre volte quelli diffusi da Vladimir Putin.

Per mesi il presidente russo Vladimir Putin nei colloqui con la stampa internazionale, si è vantato del basso tasso di mortalità in Russia a causa del virus Sars-Cov 2 spiegando come il suo paese avesse mostrato capacità straordinarie nella gestione della pandemia rispetto a tutti gli altri paesi del mondo. Di conseguenza le autorità e la stampa russa hanno piu’ volte minimizzato la reale portata della situazione parlando di 55.265 morti, un tasso di mortalità decisamente inferiore rispetto ad altri

Continua a leggere

Svezia:45 foreign fighters svedesi hanno continuato a ricevere sussidi dalla Stato dopo aver lasciato la Svezia per unirsi alle organizzazione terroristiche.

Una recente inchiesta del quotidiano svedese Expressen ha provato che 45 foreign fighters svedesi hanno continuato a ricevere sussidi dalla Stato dopo aver lasciato la Svezia per unirsi ad organizzazioni terroristiche. Secondo quanto pubblicato, i combattenti svedesi hanno ricevuto il denaro mentre combattevano nel “Siraq”, in alcuni casi per un periodo di diversi anni. Ventiquattro dei terroristi hanno ricevuto denaro direttamente, mentre il resto attraverso “la comunità familiare”. I sussidi sono stati erogati dall’Agenzia svedese di assicurazione sociale, dall’aiuto studentesco svedese,

Continua a leggere

L’Australia tira un sospiro di sollievo; Abdul Nacer Benbrika resterà ancora in carcere.

Puo’ tirare un sospiro l’Australia dopo la notizia che Abdul Nacer Benbrika terrorista algerino arrestato nel 2005 ( condannato nel 2009) per il suo coinvolgimento in una cellula terroristica (voleva uccidere l’allora primo ministro John Howard), resterà in carcere fino al 2023 nonostante abbia già scontato la pena detentiva di 15 anni. L’ordine di detenzione aggiuntiva sancita dall’ordinamento legale australiano prevede “che si possano  tenere in custodia i terroristi condannati fino a tre anni dopo aver terminato le loro condanne,

Continua a leggere

Sventata la Strage di Natale a Berlino. Un 15enne siriano voleva far esplodere un bus di linea.

La polizia di Berlino ha sventato lo scorso 22 dicembre 2020, un attacco terroristico che si sarebbe dovuto compiere il giorno di Natale. Un 15enne siriano (inizialmente si era parlato di un 22enne) che vive nel quartiere di Marzahn della capitale tedesca, già conosciuto per le sue inclinazioni religiose radicali e che per questo veniva intercettato dalle autorità, intendeva far esplodere una bomba su un bus di linea. L’adolescente è stato arrestato all’alba di martedì durante l’operazione di polizia che

Continua a leggere

I Lupi Solitari? Non esistono.

Non si fermano le indagini sull’attacco terroristico dello scorso 25 settembre 2020 avvenuto a Parigi (XI arrondissement), nei pressi degli ex uffici della rivista satirica  Charlie Hebdo, dove il venticinquenne pakistano Zaheer Hassan Mahmoud arrivato in Francia nel 2018 sotto falsa identità (disse di essere minorenne  e di chiamarsi Hassan Ali’ ), domiciliato a Pantin (Seine-Saint-Denis) feri’ a colpi di mannaia, due dipendenti dell’agenzia di produzione Première Lines che erano usciti in “pausa sigaretta”. Le novità arrivate nelle scorse ore

Continua a leggere

Estradato dalle Filippine il keniota accusato di aver pianificato un attacco in stile 9/11 contro gli Stati Uniti

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha annunciato lo scorso 16 dicembre 2020, di aver ottenuto l’estradizione dalle Filippine del 30enne cittadino keniota Cholo Abdi Abdullah accusato di aver progettato un attacco terroristico in America.  L’uomo che era stato arrestato nel 2019 all’interno del Rasca Hotel di Iba Zambales nel nord-ovest delle Filippine, voleva dirottare e far schiantare su un grattacielo, un aereo di linea per conto dell’organizzazione terroristica somala Al-Shabaab notoriamente legata ad Al-Qaeda. La vicenda è complessa

Continua a leggere

Tra USA e Cina lo scontro è anche sulle Terre Rare. Il mercato dei magneti delle terre rare vale 14 miliardi di dollari all’anno. (MDD 20.12.2020)

Non appena Joe Biden si sarà insediato alla Casa Bianca il “Dossier Cina” sarà uno dei primi che dovrà affrontare. Si tratterà di uno dei banchi di prova più importanti per il neo Presidente americano e la sua amministrazione, visto che i rapporti con Pechino come si è visto anche negli ultimi quattro anni con Donald Trump, sono ai minimi termini. Chi si occupa di strategia e di tattica sa molto bene che, oggi più che mai, è sconsigliabile andare allo scontro

Continua a leggere

Terminato il processo per le stragi del 2015 alla redazione di Charlie Hebdo e all’Hyper Cacher. Condanne e tanta amarezza.

Dopo tre mesi di udienze avvenute tra strettissime misure di di sicurezza, la Corte d’Assise Speciale di Parigi ha pronunciato, mercoledì 16 dicembre, le sentenze per i presunti sostenitori degli autori degli attacchi del gennaio 2015 contro il giornale Charlie Hebdo , e contro il supermercato Hyper Cacher e per l’omicidio, avvenuto a Montrouge (Hauts-de-Seine), dell’agente di polizia Clarissa Jean-Philippe. Gli attentati del gennaio 2015 contro la redazione del giornale satirico Charlie Hebdo e contro il supermercato “Hyper Cacher”, provocarono 17 morti. 

Continua a leggere

Indonesia: Arrestato dopo 18 anni il responsabile degli attentanti di Bali del 2002.

Negli scorsi giorno la polizia indonesiana ha arrestato a Lampung, sull’isola di Sumatra, il 57enne Aris Sumarsono conosciuto come Zulkarnaen o Daud, uno dei piu’ pericolosi leader dell’organizzazione islamista legata ad Al Qaeda Jemaah Islamiyah. Nei giorni precedenti era stato arrestato a Lampung, Upik Lawanga, esperto di esplosivi di bombe e membro chiave della Jemaah Islamiyah. Aris Sumarsono era ricercato da 18 anni per ruolo avuto negli attentati di Bali (nella zona turistica di Kuta) del 2002 che che provocarono

Continua a leggere

Gli USA dopo 13 anni lasciano la Somalia in balia di Al Qaeda. Il rischio è che il Paese finisca nelle mani del gruppo islamista Al-Shabaab (MDD 13.12.2020)

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ordinato negli scorsi giorni il ritiro di quasi tutte le truppe statunitensi dalla Somalia, un disimpegno che dovrà realizzarsi entro il 15 gennaio 2021. Gli Stati Uniti sono presenti nel martoriato Paese africano con circa 700-800 soldati che affiancano i militari somali nella lotta contro le milizie degli Al-Shabaab, a loro volta affiliati ad Al Qaeda, e alle milizie dello Stato Islamico. Secondo alcuni funzionari del Pentagono una parte delle truppe si

Continua a leggere

Il Nuovo Piano della Cina: Così si berrà l’Occidente (Panorama 09.12.2020)

di Stefano Piazza e Luciano Tirinnanzi Mentre l’Europa affronta l’emergenza Covid, Pechino traccia le linee di sviluppo da qui al 2035. Investimenti in tecnologia dei superconduttori, difesa, agricoltura. Per rafforzare il suo status di superpotenza globale Trecento delegati in rappresentanza di oltre 90 milioni di iscritti per decidere il futuro della Cina. È quanto andato in scena a Pechino, nel V Plenum del XIX Comitato centrale del Partito comunista cinese (PCC). Ovvero il congresso che, a porte chiuse e in

Continua a leggere

La nave italiana che aggirò l’embargo (Panorama 09.12.2020)

di Stefano Piazza- Luciano Tirinnanzi È improvvisamente «sparita dai radar» della marina civile per riapparire in assetto da guerra nella flotta di Teheran. Com’è stati possibile questo passaggio, visto che esiste il divieto di commercio di armamenti con il regime degli ayatollah? In attesa di risposte ufficiali, Panorama ha ricostruito la vicenda dell’Altinia diventata «Shaid Roudaki». E’ la più grande nave da guerra dell’Iran di nuova generazione. Pesa 4 mila tonnellate, è lunga 150 metri e larga 22. Monta lanciamissili

Continua a leggere

L’America che verrà ( SPAZIO LIBERO – Corriere del Ticino 10.12.2020)

Molti commentatori erano convinti che il Paese, dopo le elezioni, si sarebbe risvegliato praticamente socialdemocratico. Si è fatto molto rumore, ma quello che Biden sta costituendo è un governo di centrodestra Negli ultimi mesi molti giornalisti e un buon numero di intellettuali europei hanno provato a raccontare l’America che si avvicinava alle elezioni presidenziali. Spesso però lo hanno fatto innamorandosi della loro stessa narrazione, nella quale l’America con Donald Trump era diventata un Paese distrutto nelle sue fondamenta democratiche, violento

Continua a leggere

Aveva decapitato l’insegnante Samuel Paty a Conflans-Sainte-Honorine il 16 ottobre 2020 ora è stato seppellito con tutti gli onori in Cecenia mentre si torna a parlare di Abu Omar al-Shishani che secondo un ex membro di Al Qaeda sarebbe vivo.

Il 18enne Abdullakh Anzorov, cittadino russo di origine cecena che godeva dello status di rifugiato concesso ai suoi genitori quando era minorenne, autore dell’assassinio e della decapitazione dell’insegnante Samuel Paty lo scorso 16 ottobre 2020 avvenuta nei pressi del college di Bois-d’Aulne, a Conflans-Sainte-Honorine e che venne ucciso a colpi d’arma da fuoco dalla polizia pochi minuti dopo l’attacco della polizia a Éragny, una città della Val-d’Oise vicino al luogo della tragedia, è stato seppellito domenica 6 dicembre 2020 in

Continua a leggere

Pirateria: il Golfo di Guinea è il tratto di mare più pericoloso (Mattino della Domenica 06.12.2020)

Lo scorso 14 ottobre 2020, l’International Maritime Bureau (IMB), istituto che si occupa di analizzare e prevenire il crimine marittimo, ha pubblicato il suo ultimo report sulla pirateria. Dal rapporto redatto per l’International Chamber of Commerce, emerge che il Golfo di Guinea, l’insenatura dell’oceano Atlantico che dal Senegal arriva fino all’Angola, è diventato il più importante hotspot della pirateria a livello mondiale. A due giorni dalla presentazione del rapporto il 16 novembre 2020, a pochi giorni di distanza dal precedente intervento in

Continua a leggere

Terrorismo: espulso e rimpatriato tunisino 19enne radicalizzato. E’ il 53esimo provvedimento del 2020.

Un 19enne tunisino identificato come R.H., è stato espulso con un provvedimento del Prefetto di Padova per motivi di sicurezza dello Stato.  L’uomo secondo quanto reso noto dal Ministero degli Interni, era sotto controllo da parte dell’antiterrorismo dal 2017 dopo che durante una perquisizione nell’ambito di un’indagine per droga sul suo telefono (era stato arrestato già due volte), erano stati trovati una serie di video di propaganda jihadista ed in particolare alcuni tutorial per la fabbricazione di ordigni esplosivi. In

Continua a leggere

Scioglimento di associazioni, espulsioni e chiusure di moschee. La Francia in guerra contro gli estremisti islamici.

Il ministro degli Interni francese Gerald Darmanin ha dichiarato dell’emittente radiofonica RTL che le autorità francesi hanno espulso 66 stranieri radicalizzati. Gerald Darmanin aveva annunciato nell’ottobre scorso dopo lo sconvolgente omicidio- decapitazione dell’insegnante di storia francese il 47enne Samuel Paty, che oltre 230 stranieri sospettati di estremismo sarebbero stati allontanati dal Paese. “Oltre la metà al momento risultano disarmati. 66 sono stati espulsi. Una cinquantina di loro rimangono nei centri di detenzione amministrativa in attesa della loro espulsione. Circa 30 persone

Continua a leggere

Con il reddito di cittadinanza finanziavano da un money transfer di Ferrara, un terrorista islamico in Tunisia. Nello stesso giorno espulsi per terrorismo, altri due tunisini

Dopo una lunga indagine dei Gruppi d’Investigazione sulla Criminalità Organizzata (G.I.C.O) del nucleo di polizia economico-finanziaria di Bologna, coordinata dal pm Antonello Gustapane, è stato scoperto che attraverso false dichiarazioni su posizioni reddituali e lavorative non veritiere, due cittadini tunisini hanno finanziato, fino all’aprile 2020, un pericoloso foreign fighters dello Stato islamico, inserito nelle liste antiterrorismo in Belgio. Il metodo utilizzato per fargli arrivare il denaro è stato a dir poco beffardo visto che i soldi destinati al finanziamento del terrorismo, provenivano

Continua a leggere

I media annunciano la morte di Ayman al- Zawāhirī .Tra conferme e smentite c’è già il successore del numero 1 di Al Qaeda (MDD 29.11.2020)

Secondo alcune fonti di sicurezza ascoltate da Arab News (quotidiano in lingua inglese pubblicato in Arabia Saudita, N.d.A) in Pakistan e in Afghanistan: il 69enne medico egiziano Ayman Muhammad Rabīʿ al-Zawāhirī – Ayman al- Zawāhirī  classe 1951, leader di Al Qaeda, sarebbe morto nelle scorse settimane a Ghazni, in passato conosciuta come Ghazna o Ghaznīn, città dell’Afghanistan, capoluogo dell’omonima provincia. Una delle fonti ha riferito che Al-Zawahiri “sarebbe morto di asma perché non aveva ricevuto un trattamento adeguato”. Anche una

Continua a leggere

Per fortuna c’è ancora qualcuno che li arresta: A Cosenza arrestato un convertito italiano pronto all’atto di forza.

Nuova operazione antiterrorismo in Italia e stavolta in provincia di Cosenza dove scattata negli scorsi giorni l’operazione denominata “Miraggio”condotta dalla Digos Distrettuale di Catanzaro e di Cosenza, dal Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni e dal Servizio per il Contrasto all’Estremismo e Terrorismo Esterno della Dcpp/Ucigos, diretta e coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo di Catanzaro con il procuratore Nicola Gratteri, il procuratore aggiunto Vincenzo Capomolla e il pm Graziella Viscomi. Durante l’operazione iniziata da tempo e che ha

Continua a leggere

Arresti in Spagna per finanziamento all’Isis e c’è l’allarme dell’intelligence spagnola e francese sull’arrivo di terroristi in Europa.

Importante operazione antiterrorismo in Spagna dove la Polizia nazionale spagnola (Policía Nacional) con il sostegno di Europol, ha arrestato due persone sospettate di essere coinvolte in una vasta rete di finanziamento del terrorismo ubicate nelle province spagnole di Madrid e Toledo. Secondo gli inquirenti si tratterebbe di due appartenenti del cosiddetto “ufficio rimesse” in Europa dello Stato islamico. Si tratta di una struttura che raccoglie denaro associazioni, moschee e sul web in diversi Paesi europei da destinare ai combattenti jihadisti

Continua a leggere

Attentato a Lugano. Tante domande e poche riposte.

Dopo l’attacco di Morges del settembre scorso dove venne ucciso a coltellate da un 27enne turco- svizzero un cittadino portoghese di 29 anni – il terrore di matrice islamica si è ripresentato in Svizzera e questa volta a Lugano (Canton Ticino). Ieri pomeriggio intorno alle 14.00 una 28enne della regione (nome noto a chi scrive) all’interno dello storico centro commerciale “Manor” ha aggredito e accoltellato due donne prima di essere immobilizzata da alcuni coraggiosi clienti del grande magazzino. Secondo quanto pubblicato

Continua a leggere

Tutti “Gli uomini di Putin” Come il KGB si è ripreso la Russia e sta conquistando l’Occidente. Intervista a Catherine Belton (MDD 22.11.2020)

Negli ultimi mesi il Presidente russo Vladimir Putin per paura della Sars-Cov 2 non incontra quasi piu’ nessuno e di fatto, governa in videoconferenza e non a caso nelle scorse settimane, si sono diffuse voci insistenti che vogliono il presidente della Federazione Russa ormai isolato e distaccato dal vero potere. Ci sono anche le recentissime speculazioni pubblicate sulla stampa inglese sulla sua salute – «ha il parkinson», giurano fonti anonime del Cremlino – ma che sono in verità attacchi per

Continua a leggere

Nuove indiscrezioni sulla morte di Ayman Al-Zawahiri ma Americani e Afgani per il momento, non confermano.

Secondo alcune fonti di sicurezza ascoltate da Arab News in Pakistan e Afghanistan, il 69enne medico egiziano Ayman Al-Zawahiri leader di Al Qaeda, sarebbe morto nelle scorse settimane  a Ghazni, in passato conosciuta come Ghazna o Ghaznīn, città dell’Afghanistan, capoluogo dell’omonima provincia. Uno delle fonti ha riferito che Ayman Al-Zawahiri sarebbe”morto di asma perché non aveva ricevuto un trattamento adeguato.” Anche una persona legata al gruppo terroristico ha confermato le indiscrezioni specificando che il leader di Al Qaeda era da

Continua a leggere

Dobbiamo reagire alle Minacce della Turchia. Intervista al Cancelliere austriaco Sebastian Kurtz (Libero 18.11.2020)

di Daniel Mosseri, Stefano Piazza, Luciano Tirinnanzi Sebastian Kurz ha perso la pazienza. L’attacco jihadista nel cuore di Vienna prima, seguito subito dopo da un’impennata senza precedenti nel numero dei contagi in Austria, hanno messo sotto pressione il giovanissimo cancelliere austriaco. Che ha così deciso di andare alla guerra contro il Covid decretando un lockdown nazionale, e contro l’Islam politico, varando una legge che lo rendo «un reato» e coordinandosi con i principali leader europei. O quasi. Nella fretta di

Continua a leggere

Proseguono le indagini in Austria dopo l’attentato del 2 novembre 2020. Qualche risposta forse, potrebbe arrivare dall’Italia.

Sono ancora in corso le indagini degli inquirenti austriaci che stanno cercando di ricostruire le ultime settimane del 20enne di nazionalità austriaca-macedone Kujtim Fejzulai che lo scorso 2 novembre 2020 sulla Friedmann-Platz a Vienna, ha ucciso quattro persone e ne ha ferite altre 22. Secondo l’agenzia stampa APA l’assassino avrebbe lavorato come impiegato della sicurezza in un ospedale di Vienna durante il primo lockdown, una circostanza riferita agli inquirenti da un suo conoscente che è attualmente detenuto perché sospettato di

Continua a leggere

Islam, c’è chi non si arrende al moderno oscurantismo. Intervista esclusiva all’Imam di Drancy Hassen Chalghoumi sotto protezione (MDD 15.11.2020)

L’imam di Drancy (Île-de-France) Hassen Chalghoumi, nato in Tunisia nel 1972, vive da anni protetto dall’Unità di coordinamento per la lotta al terrorismo ( UCLAT). Nel gennaio 2010 la sua moschea venne assaltata e vandalizzata perché è un nemico dichiarato dell’islam politico: anticamera del terrorismo. Gli islamisti che per le sue posizioni lo odiano -e vorrebbero ucciderlo- lo dipingono come “imam degli ebrei”, “burattino”, “traditore”, “venduto“. Noi lo abbiamo intervistato. Signor Chalghoumi, cosa sta succedendo nel vostro Paese? La sensazione

Continua a leggere

ll numero due di al Qaeda, al Masri, ucciso in Iran dal Mossad. Sulla morte di Ayman al-Zawahri invece non ci sono ancora conferme.

Secondo il “New York Times” Abdullah Ahmed Abdullah – Abu Muhammad al-Masri numero due di al-Qaeda, è stato ucciso lo scorso 7 agosto 2020 a Teheran insieme alla figlia 27enne Miriam. La data del 7 agosto non è certo casuale ma profondamemte simbolica perchè in quel giorno del 1998, vi furono i terribili attacchi alle ambasciate statunitensi in Kenya e Tanzania che fecero 224 morti e centinaia di feriti. Al-Masri fu colui che pianifico’ le stragi ma non solo, aveva anche ordinato

Continua a leggere

SUMMIT ANTITERRORISMO/ Italia esclusa perché senza politica estera, Nizza non c’entra (Il Sussidiario.net) 12.11.2020

Vertice antiterrorismo tra Francia, Germania, Austria e Olanda con la presenza dei due leader Ue, Ursula von der Leyen e Charles Michel. Manca all’appello l’Italia (ma anche Grecia e Spagna): la motivazione ufficiale è che sono paesi che non sono stati colpiti da recenti azioni terroristiche. Un vertice significativo, in cui viene auspicata una maggiore collaborazione tra polizia e intelligence e addirittura una revisione degli accordi di Schengen. Ma il mancato invito al nostro paese a prendervi parte sembra più

Continua a leggere

Austria: Nell’Operazione Luxor sequestrati 25 milioni di Euro in contanti.

Emergono i primi dettagli dell’operazione antiterrorismo denominata “Luxor” svoltasi ieri in quattro stati federati dell’Austria. Nell’operazione nella quale sono stati impiegati piu’ di 950 esponenti delle forze dell’ordine scattata fin dalle prime ore del mattino, sono state perquisite abitazioni, uffici, moschee e associazioni culturali che operano sotto l’influenza della Fratellanza musulmana. Secondo “Radio Vienna” e altri media austriaci sarebbero stati sequestrati 25 milioni di euro in contanti. Una cifra enorme, difficilmente giustificabile. L’ufficio del pubblico ministero di Graz che sta

Continua a leggere

“Operazione Luxor” in Austria. Nel mirino i Fratelli musulmani e Hamas

Dalle prime ore di questa mattina in Austria è in corso un’operazione antiterrorismo denominata “l’Operazione Luxor ” nella quale sono interessata alcune località della Stiria, della Carinzia, la capitale Vienna, e alcuni comuni della Bassa Austria. Secondo quanto pubblicato dal “Krone Zeitung” sono stati perquisiti 60 appartamenti, alcune case, numerosi negozi e alcuni club islamici. Al momento 30 sospetti sono sottoposti ad interrogatorio. A proposito di quanto sta accadendo Il ministro dell’Interno Karl Nehammer nel confermare i fatti ha dichiarato;

Continua a leggere

L’Europa è sotto attacco, ma è pronta a difendersi? ( MDD 08.11.2020 )

Il Presidente turco Recep Tayyip Erdoğan chiama e i terroristi rispondono. Si potrebbe sintetizzare così quanto sta accadendo in Europa nelle ultime settimane. Infatti, dopo gli strali provenienti da Ankara contro la Francia e contro il Presidente Emmanuel Macron -reo di aver deciso (finalmente) di non essere più disposto ad accettare i diktat dell’islam politico della Fratellanza musulmana- gli assassini islamisti hanno ricominciato a seminare morte e dolore in Europa. Dopo la decapitazione del professor Samuel Paty avvenuta a Parigi lo

Continua a leggere

Servizi Segreti Austriaci nella Bufera dopo la Strage di Vienna.

In Austria sei delle sedici persone fermate dopo l’attentato di matrice islamista di Vienna di lunedì scorso, sono state arrestate. Sono tutti accusati “di complicità in omicidio e di partecipazione ad associazione terroristica e organizzazione criminale”. Per altri otto è stata richiesta la custodia cautelare e mentre le indagini si allargano in altri Paesi tra i quali Germania e Svizzzera, Il ministro degli Interni austriaco Karl Nehammer (ÖVP) ha chiesto e ottenuto, le dimissioni immediate del responsabile del LVT, i

Continua a leggere

La Diaspora Cecena che Minaccia L’Europa (PANORAMA 04.11.2020)

di Stefano Piazza- Luciano Tirinnanzi Un uomo decapitato, una testa gettata per strada, una rivendicazione del brutale assassino. Sono gli elementi del mix esplosivo di furore islamista e criminalità internazionale, che in Europa oggi si saldano e sostanziano con le frange più estreme del fondamentalismo: quelle che provengono dalla Cecenia e fanno parte alla Fratellanza Musulmana. La decapitazione in Francia del professor Samuel Paty, reo di aver mostrato in una classe di liceo delle caricature di Maometto, è un esempio di ciò che sono stati programmati a compiere le

Continua a leggere

Gli errori ed i problemi dell’Austria dietro l’attentato a Vienna ( Panorama.it) 03.11.2020

La sera del 2 novembre intorno alle ore 20.00, alcuni uomini armati hanno attaccato almeno sei siti in tutta Vienna compreso l’esterno della sinagoga di Seitenstettengasse che era fortunatamente chiusa. Il bilancio attuale è di almeno cinque morti e almeno 22 feriti (la conta è ancora in corso, nda), alcuni dei quali versano in gravissime condizioni. Del commando composto da quattro aggressori (tre ancora in fuga), faceva parte Kujtim Fejzulai 20enne islamista austriaco di origini macedoni-albanesi schedato dai servizi segreti

Continua a leggere

Terrore a Vienna: quattro morti, 15 feriti alcuni dei quali gravi. uno degli autori era un simpatizzante dell’ISIS. I complici sono ancora in fuga.

Ieri sera intorno alle 20.00 un commando terroristico ha colpito al cuore la città di Vienna (Austria) sparando all’impazzata su passanti e clienti dei locali nel centro della capitale austriaca. Il commando ha colpito in sei punti della città sparando con fucili automatici. Il bilancio parziale è di tre morti e 15 feriti sette dei quali dei quali sono in gravi condizioni. Un terrorista armato di fucile d’assalto è stato ucciso dalle forze speciali intorno alle 20.09 e secondo le

Continua a leggere

Oltre la filantropia, il lato oscuro di “BarakaCity” l’ONG sciolta dal governo francese

Il ministero degli interni francese negli scorsi giorni ha sciolto insieme ad altre 21 associazioni islmaiche, l’ONG “BarakaCity” con sede a Evry-Courcouronnes (Essonne). L’ONG fondata nel 2008, ha raccolto per anni decine di milioni di euro in donazioni finite “in aiuti umanitari all’estero”. Il suo fondatore Driss Yemmou meglio conosciuto come Idriss Sihamedi era stato arrestato martedì 20 ottobre 2020 per motivi di cyberbullismo nell’ambito di un’indagine aperta dalla procura di Parigi dopo la denuncia dell’ex collaboratrice di “Charlie Hebdo” Zineb

Continua a leggere

L’opposizione canadese preme su Justin Trudeau sul caso della vendita di tecnologia militare alla Turchia

Il partito conservatore canadese attualmente all’opposizione, è insorto in queste settimane dopo la decisione da parte del governo del primo ministro Justin Trudeau, di consentire ad un’azienda canadese di vendere tecnologia avanzata a dei costruttori di droni turchi. E tutto questo nonostante in Canada vi sia il divieto sulle esportazioni militari in Turchia. La polemica si è fatta rovente dopo che il governo armeno ha diffuso le immagini di un drone da combattimento turco, dotato di sensori ottici high-tech di

Continua a leggere

ATTACCO ALLA FRANCIA/ “Islam, soldi e pandemia: ecco il piano contro l’occidente” (Il Sussidiario.net 30.10 2020)

Nizza, Avignone, Lione: perché adesso? Brahim Aouissaoui l’attentatore di Nizza, è sbarcato a Lampedusa. Non è un lupo solitario, dietro c’è un progetto Abbiamo commentato i fatti di Nizza con Stefano Piazza. Giornalista svizzero esperto di sicurezza e fondamentalismo. Cosa sta succedendo in Francia? Chi c’è dietro gli attacchi? E com’è possibile che i terroristi sfuggano alle intelligence dei Paesi in cui transitano? Impossibile controllare le centinaia di persone che arrivano clandestinamente in Europa, impossibile anche tracciare ciò che avviene su

Continua a leggere

Avignone: un uomo armato di coltello ucciso dalla polizia. Altro attacco con coltello al Consolato Generale di Francia a Gedda (Arabia Saudita).

Drammatica mattinata in Francia, dopo l’attacco dopo l’attacco alla Basilica di Notre-Dame a Nizza questa mattina intorno alle 11.15 ad Avignone, un uomo armato di coltello ha cercato di attaccare gli agenti di polizia 11:15. Secondo le informazioni raccolte da “Europe 1” l’aggressore avrebbe gridato “Allah u Akbar” e ha minacciato gli agenti di polizia che hanno risposto aprendo il fuoco uccidendo il terrorista. ore 12.15. Attacco con coltello al Consolato Generale di Francia a Gedda (Arabia Saudita). Una guardia

Continua a leggere

Erdogan e la Fratellanza musulmana chiamano e i terroristi rispondono. Orrore in Francia per la decapitazione di una donna nella chiesa di Notre-Dame a Nizza

Un attacco di coltello si è verificato alle 9.00 di questa mattina vicino alla chiesa di Notre-Dame a Nizza, Secondo una prima valutazione dei fatti , il bilancio sarebbe di tre morti  e diversi feriti.  L’uomo è entrato nella cattedrale Notre-Dame nel centro di Nizza, in Avenue Jean-Medecin e ha decapitato una pensionata di 70 anni, poi ha colpito a morte altre due persone. L’assassino è il 21enne tunisino Brahim Aoussaoui che questa mattina all’interno della cattedrale di Notre Dame

Continua a leggere

Morto Izzat Ibrahim al Duri, già braccio destro di Saddam Hussein. Criminale efferato fece gasare i Curdi nel 1988.

Stavolta potrebbe essere vero, Izzat Ibrahim al Duri già braccio destro di Saddam Hussein (28.04.1937 +30.12.2006), conosciuto anche come “Il re di fiori” è morto. Il “Most-wanted iraqi” era un mazzo di carte da poker che i militari statunitensi idearono per aiutare le truppe ad identificare i membri più ricercati del governo di Saddam Hussein durante la sciagurata invasione dell’Iraq nel 2003. L’annuncio è stato dato da Raghad Saddam Hussein, figlia dell’ex raìs, e dal partito Baath, di cui Al Douri era stato eletto presidente

Continua a leggere

Quelle Vignette Danesi e l’Intolleranza Islamica

Kurt Westergaard, vignettista e maestro di scuola, non avrebbe mai pensato che una serie di vignette, tra le quali alcune pubblicate nel settembre 2005 sul più popolare quotidiano danese Jyllands Posten, avrebbero letteralmente incendiato il mondo islamico. In particolare, a fare infuriare l’Islam intollerante e militante è stata una vignetta che ritrae il profeta Maometto con una bomba nel turbante. Il caso della vignetta di Westergaard si può considerare uno dei primi e più chiari segnali di come esista una

Continua a leggere

In Thailandia, tra crisi economica e sanitaria i giovani chiedono la democrazia Revocata l’emergenza ma i problemi non sono finiti (MDD 26.10.2020)

Lo scorso 22 ottobre 2020 il Governo di Bangkok (Thailandia) ha annullato per decreto, lo stato di emergenza che aveva sancito la settimana precedente. La nuova decisione assunta dal primo ministro, è stata presa per tentare di bloccare le massicce proteste guidate dagli studenti che vogliono riforme democratiche. Tutto era iniziato la sera e la notte tra il 13/14 ottobre con migliaia di giovani e studenti (almeno 10mila) che si erano dati appuntamento davanti al Monumento alla Democrazia, luogo simbolo

Continua a leggere

Rapporto shock: 12 importanti università americane non hanno dichiarato 6,5 miliardi di dollari tra “donazioni e contratti esteri”. E tra i maggiori donatori c’è la Cina..

Secondo un’indagine del Dipartimento dell’Istruzione degli Stati Uniti (DOE), pubblicata lo scorso 20 ottobre, 12 importanti Università americane non hanno dichiarato 6,5 miliardi di dollari tra “donazioni e contratti esteri”. Il tema è molto delicato visto che leggiamo sul sito web del Dipartimento dell’Istruzione: “Oltre 30 anni fa, il Congresso ha promulgato la Sezione 117 dell’Higher Education Act del 1965 alla luce delle preoccupazioni circa il crescente rapporto finanziario tra le Università statunitensi e le fonti straniere. Il Congresso ha bilanciato

Continua a leggere

“The dangers for Europe come from Hezbollah and Salafists” (Panorama 20.10.2020)

by Stefano Piazza – Luciano Tirinnanzi “I can reveal that Hezbollah’s secret weapons depots have been moved through Belgium, France, Greece, Italy, Spain and Switzerland. I can also reveal that significant ammonium nitrate deposits have been discovered and destroyed in France, Italy and Greece.” This is stated by Nathan A. Sales, the Coordinator for Counterterrorism with the rank and status of Ambassador-at-Large. That is, the man personally chosen by Donald Trump – who gave him the rank and status of

Continua a leggere

“I pericoli per l’Europa vengono da Hezbollah e Salafiti” (Panorama 20.10.2020

di Stefano Piazza e Luciano Tirinnanzi “Posso rivelare che depositi segreti di armi di Hezbollah sono stati spostati attraverso Belgio, Francia, Grecia, Italia, Spagna e Svizzera. Posso anche rivelare che significativi depositi di nitrato di ammonio sono stati scoperti e distrutti in Francia, Italia e Grecia”. A dichiararlo è che Nathan A. Sales, coordinatore per l’antiterrorismo del Dipartimento di Stato americano. Ovvero l’uomo scelto personalmente da Donald Trump – che gli ha conferito il grado e lo status di ambasciatore

Continua a leggere

La Tragedia di Parigi e l’Occidente in ginocchio.

Sono in corso da questa mattina in Francia una serie di operazioni di polizia (che proseguiranno certamente anche nei prossimi giorni),“contro decine di individui del movimento islamista” cosi’ come ha annunciato dal Ministero degli interni francese. Dopo la sconvolgente uccisione e decapitazione di venerdì 16 ottobre u.s del professore di storia Samuel Paty, avvenuta nei pressi del college di Bois-d’Aulne, a Conflans-Sainte-Honorine per mano del 18enne ceceno Abdoullakh Abuyezidvich Anzorov, sono state aperte numerose indagini e conseguenti arresti di islamisti

Continua a leggere

Yemen, una guerra dimenticata e con le bombe, anche il colera (MDD 18.10.2020)

Mentre la comunità internazionale si interroga sulla possibile nuova ondata del virus Sars Cov-2 e l’attenzione dei media è rivolta anche agli scontri armati nel Nagorno Karabakh, a 7.502,32 km da noi si consuma da ormai cinque anni nel silenzio della comunità internazionale, la guerra tra l’Arabia Saudita e lo Yemen. Nel recente Rapporto del Legal Center for Rights and Development (LCRDye), sono state aggiornate le agghiaccianti statistiche che mostrano come la guerra voluta espressamente dall’erede al trono saudita Mohammed Bin

Continua a leggere

Ufo (forse) Esistono Davvero (Panorama 14.10.2020)

Abraham Loeb Stefano Piazza- Luciano Tirinnanzi Gli Ufo esistono, stiamo raccogliendo le prove». A dirlo, stavolta in via ufficiale, è nientemeno che il governo degli Stati Uniti. Che, non riuscendo più a gestire o nascondere l’alto numero di avvistamenti da parte dei suoi piloti, il 4 agosto scorso ha approvato la creazione di una task force specializzata sui fenomeni aerei non identificati, denominata Uaptf. Costo: 22 milioni di dollari, frutto di cinque anni di un precedente programma di ricerca segreto

Continua a leggere

UFOs (maybe) really exist (Panorama Magazine 14.10.2020)

Professor Abraham Loeb Stefano Piazza- Luciano Tirinnanzi “UFOs exist, we are collecting the evidence.” To say it, this time officially, it is no less than the government of the United States. What, no longer able to manage or hide the high number of sightings by its pilots, last August 4 approved the creation of a specialized task force on unidentified aerial phenomena, called UAPTF. The cost: 22 million dollars, the result of five years of a previous secret research program

Continua a leggere

Scarcerato Belal Saadallah Khazaal. Ora l’Australia trema

Belal Saadallah Khazaal o Belal Khazal, australiano libanese ed ex addetto ai bagagli della Qantas Airways all’aeroporto di Sydney e figura di spicco nel Movimento giovanile islamico australiano, è stato scarcerato negli scorsi giorni dopo aver scontato 12 anni nel supercarcere di Goulburn. Era stato riconosciuto colpevole nel 2008  dalla Corte Suprema australiana, “per aver prodotto un manuale che descriveva dettagliatamente le tecniche di assassinio e una guida su come abbattere gli aerei. Durante la detenzione iniziata all’età di 39 anni non ha mai rinnegato le idee

Continua a leggere

Il Sultano sfida l’Orso russo ( MDD 11.10.2020)

Il Caucaso meridionale è nuovamente in fiamme. Dallo scorso 27 settembre 2020 i governi di Yerevan e Baku si combattono nella fascia di territorio che divide l’Azerbaigian dall’autoproclamata repubblica del Nagorno Karabakh, l’enclave oggetto dell’annosa disputa che si trova all’interno del territorio azero e dove il 95% della popolazione è di etnia armena. Una guerra che si combatte con missili, moderni aerei da guerra e i micidiali droni di fabbricazione turca e israeliana. Più passano i giorni e più sale

Continua a leggere

Frode documentale e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Nove persone arrestate al termine di una lunga operazione.

Lo scorso 28 settembre 2020 le autorità francesi che hanno agito in collaborazione con EUROPOL, hanno arrestato al termine di una lunga operazione nove persone tutte con l’accusa di “frode documentale e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”. L’operazione va inquadrata nell’ambito del Joint Operational Team (JOT) Doc Fraud, nell’ambito della priorità EU EMPACT sul favoreggiamento dell’immigrazione illegale. Tra i fermati ci sono anche i due capi dell’organizzazione entrambi di nazionalità algerina, arrestati in Francia. Uno dei due fermati era noto alle forze

Continua a leggere

La Francia e il rischio di una guerra civile (MDD 4 ottobre 2020)

“Ero furioso, quelle caricature del Profeta erano per me insopportabili”, queste le prime dichiarazioni del 25enne pachistano Zaheer Hassan Mahmood inizialmente identificato come il 18enne Hassan Alì, autore dell’attacco di Parigi del 25 settembre scorso nel quale -a colpi di mannaia- ha ferito quattro passanti che credeva fossero giornalisti di Charlie Hebdo senza sapere che la redazione del giornale oggi è in un luogo segreto dopo la strage del 2015. Nel suo telefono cellulare c’era un video nel quale rivendicava

Continua a leggere

Il jihadista francese Othman Garrido- Abu Salman Al-Faransi è stato estradato questa mattina dalla Turchia verso la Francia

Il jihadista francese Othman Garrido- Abu Salman Al-Faransi originario di La Paillade (Montpellier) condannato in contumacia a 15 anni di prigione nel 2017, è stato espulso questa mattina dal governo di Ankara. L’uomo è già arrivato all’aereoporto di Parigi dove è stato immediatamente arrestato dalle autorità francesi. L’espulsione è stata decisa nell’ambito del “Protocollo Cazeneuve” accordo firmato nel 2014 tra Turchia e Francia, che consente di intercettare al loro ritorno, i jihadisti di ritorno dalla Siria che arrivano in Turchia. Con uno

Continua a leggere

Per Emmanuel Macron i Fratelli musulmani, i Salafiti e i Wahabiti sono nemici della Francia. Chi lo seguirà nella sua battaglia in Europa?

Non ha tradito le attese l’atteso discorso pronunciato ieri venerdi 2 ottobre 2020 a Mureaux (dipartimento delle Yvelines), dal presidente francese Emmanuel Macron che ha presentato il suo nuovo piano d’azione per proteggere la Repubblica e i suoi valori, dai separatismi. Nel discorso che avrebbe dovuto toccare tutte le forme di «separatismo», Macron si è completamente concentrato sull’Islam, definito una religione “che oggi vive una crisi in tutto il mondo e in cui l’ala fondamentalista sta portando avanti progetti religiosi

Continua a leggere

Nuova operazione contro il terrorismo islamico in Svizzera

Nuova operazione antiterrorismo condotta questa mattina dalla polizia federale nel canton Friburgo dove su mandato della Procura federale, sono state arrestato quattro persone tutte sospettate di terrorismo. Secondo la Procura tutti e quattro gli imputati ( una dovrebbe essere una donna) sono domiciliati nell’area di Friburgo e “le tre perquisizioni si sono svolte nell’ambito di due procedimenti penali condotti dal MPC nei confronti di due imputati ciascuno. Un procedimento penale è stato aperto nell’agosto 2020 contro una cittadina kosovara di

Continua a leggere

L’Inshallah” di Joe Biden durante il dibattito Presidenziale e l’America al bivio

Sta facendo ancora discutere quanto accaduto durante il primo dibattito tra Donald Trump e Joe Biden che si sono sfidati a colpi di insulti e interruzioni continue, a Cleveland martedì notte nel primo dibattito televisivo tra i candidati alla presidenza degli Stati Uniti.  Tra le molte cose che si sono detti non è certo sfuggito il momento nel quale il candidato democratico Joe Biden ha pronunciato la frase “inshallah” a proposito della vicenda della dichiarazioni dei redditi di Donald Trump.

Continua a leggere

Arrestata in Siria Alice Brignoli la mamma- jihadista che porto’ in Siria i suoi tre bambini

Nelle scorse ore i R.O.S dei Carabinieri hanno arrestato in Siria, Alice Aishà Brignoli indagata a Milano per “associazione con finalità di terrorismo internazionale”. Con lei sono stati ritrovati anche i quattro figli (tutti minorenni) avuti con il marito Mohamed Koraichi, cittadino italiano di origine marocchina con il quale nel maggio del 2015, parti’ improvvisamente da Bulciago (Lecco), per andare vivere nei territori dall’autoproclamato Stato Islamico. Secondo i racconti della moglie, Mohamed Koraichi è morto in Siria a causa di

Continua a leggere

Quella mano segreta del Cremlino nelle guerre ibride (Il Mattino della Domenica 27/9/2020)

Chi sono i mercenari della compagnia privata Wagner Group diretta dalla Russia Un recente Rapporto delle Nazioni Unite ha rivelato che la Federazione Russa ha fortemente aumentato il proprio supporto logistico alla compagnia privata di sicurezza Wagner Group anche nota come MC Wagner, CHVK Wagner o CHVK Vagner. In particolare da Mosca sono partiti 338 aerei cargo per la Libia che si trova nel caos dopo il rovesciamento di Mu’ammar Gheddafi avvenuto nel 2011 con lo sciagurato sostegno della NATO.

Continua a leggere

ATTENTATO A PARIGI/ “Dopo l’Isis, dietro i jihadisti ci sono i Fratelli musulmani” (Il Sussidiario.net)

In una Francia allarmata dai contagi e in piena pandemia Covid-19 torna il terrorismo islamista, pericolo che era stato praticamente rimosso. E torna non a caso dove c’era la sede del settimanale Charlie Hebdo, mentre è in corso il processo a 14 persone, accusate a livelli diversi di sostegno logistico ai tre autori della strage del 2015, uccisi dalle forze dell’ordine nei giorni successivi alla strage. Due persone, impiegate in una agenzia televisiva nello stesso palazzo dove si trovava la redazione del

Continua a leggere

Roulette Russa. Perché Putin Rischia di Perdere il Controllo (Panorama 24.09.2020)

di Stefano Piazza- Luciano Tirinnanzi Aleksej Naval’nyj ora respira da solo. Ma non è una buona notizia. Almeno, non per Vladimir Putin. Dopo che il più mediatico degli oppositori del Cremlino è stato avvelenato su un aereo di linea russo (lo scorso 20 agosto), per il presidente-zar è diventato tutto più complicato. Usare metodi brutali e coercitivi per fermare il declino del suo partito nelle province orientali. Scansare le accuse di violenza di Stato. Sostenere che lui in tutto questo non

Continua a leggere

I droni cinesi che spaventano la Nato e gli Stati Uniti ( Il Mattino della Domenica 20.09.2020 )

Lo scorso mese di luglio 2020 il governo di Pechino ha consegnato sei droni da combattimento “Wing Loong” prodotti dal costruttore cinese AVIC alla Serbia, che diventa così il primo Paese europeo a dotarsi di aeromobili a pilotaggio remoto (Unmanned aerial vehicle-UAV) di fabbricazione cinese. La doccia fredda ha creato un nuovo strappo difficilmente ricucibile tra il governo di Belgrado e la Nato, che già nel 2019 aveva espresso la propria contrarietà al presidente serbo Aleksandar Vucic, dopo la “manifestazione di interesse”

Continua a leggere

Il missile Ninja colpisce ancora in Iraq. Eliminato Abu Abd al-Rahman al-Tunisi “l’addestratore” dei bambini kamikaze.

(U.S. Air Force photo) Nelle scorse ore è arrivata la conferma della morte del jihadista tunisinoAbu Abd al-Rahman al-Tunisi anche conosciuto come Sayyaf o Safina al-Tunisi. L’uomo è deceduto durante un’operazione militare condotta dagli Stati Uniti nel territorio di Idlib (Siria) lo scorso 13 settembre 2020. L’attacco è stato condotto utilizzando il micidiale missile Hellfire AGM-114R9X detto anche “ il missile Ninja” che “sostituisce la testata esplosiva presente sui missili standard con un set di sei lame pieghevoli simili a spade,

Continua a leggere

L’ombra del Nuovo Isis si allunga sull’Europa (Panorama 16.09.2020)

di Stefano Piazza-Luciano Tirinnanzi Osama Bin Laden e Al Baghdadi sono morti, ma il terrorismo è più vivo che mai. Questo perché tutte le organizzazioni jihadiste sono deliberatamente concepite per garantirne la sopravvivenza, anche dopo la morte dei propri leader. E la clamorosa uccisione del Califfo dell’ISIS non fa purtroppo eccezione, visto che la sua sostituzione con lo sconosciuto Al Quraishi è stata pressoché immediata. Così come Al Qaeda non si è estinta dopo la fine di Bin Laden, ma

Continua a leggere

L’assassino di Morges arrestato domenica è un estremista islamico già conosciuto dalle autorità.

Lo scorso 12 settembre nel centro della città di Morges città di 15.889 abitanti del Canton Vaud davanti ad un negozio di alimentari, un 27enne cittadino turco-svizzero (nome noto alla redazione), ha accoltellato a morte un cittadino portoghese di 29 anni. L’uomo che è stato colpito a caso (i due non si conoscevano), è purtroppo spirato quasi subito a causa delle ferite infertegli e a nulla sono valsi i tentatitivi di salvarlo. Domenica 13 settembre 2020, la polizia ha arrestato un

Continua a leggere

L’11 settembre 2001, il giorno che cambiò la nostra storia

Come ogni anno arriva il momento di celebrare il triste anniversario (siamo ormai al 19esimo) degli attentati dell’11 settembre 2001. Una tragedia immane che fece 2.977 (1) vittime delle quali solo 1.500 sono state ad oggi identificate, senza contare gli oltre 6.000 feriti. Si tratto’ di una vera ecatombe alla quale si aggiunsero nel tempo, le oltre 1.100 persone decedute (21 erano pompieri) a causa delle le polveri respirate in quei giorni che è provato siano state all’origine di tumori alla prostata, alla

Continua a leggere

Attentato in Tunisia, muore un agente. L’Isis rivendica.

Lo Stato islamico nelle scorse ore ha rivendicato attraverso l’agenzia stampa “Amaq” l’attentato terroristico avvenuto ieri ad Akouda, (governatorato di Sousse), in Tunisia. Con un breve comunicato apparso sui canali Telegram l’Isis ha affermato che  “i combattenti dello Stato islamico hanno compiuto ieri un attacco nella città di Sousse a nord-est di Tunisi”. Durante l’attacco alla Guardia nazionale tunisina l’agente Sami Mrabet è rimasto ucciso mentre un suo collega, è rimasto gravemente ferito. Dopo l’iniziale sorpresa gli agenti della Guardia

Continua a leggere

Samantha Louise Lewthwaite la vedova bianca della Jihad (Mattino della Domenica 06.09.2020)

Nelle scorse settimane su Netflix è arrivata l’ultima docuserie intitolata “World’s Most Wanted”. Nei cinque episodi si raccontano le storie di alcuni dei fuggitivi più ricercati del pianeta e il terzo episodio della serie è dedicato a Samantha Louise Lewthwaite,conosciuta come la “vedova bianca della jihad”, sospettata di essere coinvolta in vari attacchi terroristici in Africa e in Medio Oriente. La 36enne cittadina britannica è nata nel 1983 in Irlanda del Nord (dove si trovava la famiglia in quanto il

Continua a leggere

Il Qatar e la Maxi-tangente Turca nel silenzio dell’Europa e degli USA

Lo scorso 3 settembre 2020 grazie al prezioso lavoro di Abdullah Bozkurt, giornalista investigativo e analista svedese che gestisce il Nordic Research and Monitoring Network, è stato scoperto un nuovo scandalo che vede il Qatar finanziatore della Fratellanza musulmana, di Hamas, degli Hezbollah, e la Turchia nuovamente protagonisti. Secondo i documenti pubblicati che provengono dal Millî İstihbarat Teşkilâtı organizzazione nazionale turca d’intelligence, nel 2015 il parlamentare Ahmet Berat Conkar, al tempo membro della “Commissione per gli Affari Esteri” del Parlamento

Continua a leggere

Prove di Guerra Civile in Svezia; estrema destra e islamici alla resa dei conti.

Nuovi disordini nella città di Malmoe (Malmö) terza città della Svezia dove ieri sera intorno alle 21.00, nel centro della città si sono affrontati manifestanti e forze di polizia. A far scatenare la folla che ha lanciato oggetti contro la polizia e appiccato incendi, sono state le insensate provocazioni dei militanti del gruppo di estrema destra “Stram Kurs” (Linea Dura) diretto dall’avvocato danese Rasmus Paludan noto per le sue provocazioni anti-musulmane. Il leader benché sia persona non gradita in Svezia per

Continua a leggere

Nelle Filippine è caccia al leader di “Abu Sayyaf ” nascosto con il figlio nell’isola di Sulu

Lo scorso 24 agosto 2020 a Jolo, (provincia di Sulu nelle Filippine meridionali) una zona che è da tempo una roccaforte islamista del gruppo salafita “Abu Sayyaf” noto anche come “al Harakat al Islamiyya”, si è verificato un doppio attentato kamikaze condotto da due vedove di miliziani del gruppo filippino.Il bilancio è di 14 morti e quasi 80 feriti, la maggior parte delle vittime faceva parte delle forze dell’ordine: 7 soldati e 6 poliziotti. Secondo quanto raccontato dai media locali

Continua a leggere

Qatar, relazioni pericolose nell’indifferenza dell’UE (Mattino della Domenica 23.08.2020)

Mentre la capitale del Libano Beirut è ancora sconvolta dalla doppia esplosione avvenuta nella zona del porto lo scorso 4 agosto 2020 che secondo un bilancio provvisorio avrebbe provocato 200 morti, 5mila feriti e 300mila sfollati, oggi nessuno è in grado di prevedere quali saranno i contraccolpi che quanto accaduto potrà generare nello stesso Libano già alle prese con una situazione economico-sociale drammatica, e nell’intera regione che si regge su equilibri sempre piu’ fragili. Lo scoppio che è stato talmente violento da

Continua a leggere

Ucciso nel Mali il leader dell’Isis Abdel Hakim Sahrawi

Secondo fonti dell’antiterrorismo francese il numero 2 dello Stato islamico del Grande Sahara (IS-GS), Abdel Hakim Sahrawi, sarebbe stato ucciso due giorni fa dalle truppe francesi impegnate nell’operazione Barkhane durante uno scontro nell’area di Tamalat, a ovest di Menaka ( Mali) , vicino al confine con la Nigeria. Se confermato decesso come appare, il sarebbe il secondo grosso successo nella lotta al terrororismo raggiunto in poche settimane,infatti lo scorso 3 giugno 2020 sempre per mano francese, era stato ucciso e

Continua a leggere

NAVALNY AVVELENATO/ “Putin è troppo furbo per fare un errore del genere” int. Stefano Piazza

da Sussidiario.net Il tentativo di avvelenamento di Aleksej Navalnyj, leader dell’opposizione a Putin, già incarcerato due volte negli anni passati, da quanto si sa al momento rientrerebbe nella lunga lista di casi analoghi: dal caso Skripal a quello di Litvinenko, senza dimenticare Vladimir Kara Murza, l’ex presidente ucraino Viktor Yushchenko e il bulgaro Markov. Tutti oppositori del presidente russo. Secondo Stefano Piazza, esperto di terrorismo e spionaggio, da noi intervistato, “se davvero questa volta ci fosse dietro Putin, sarebbe per

Continua a leggere

Terrore in Autostrada a Berlino: E’ terrorismo islamico.

Dopo qualche iniziale incertezza le autorità di Berlino hanno dichiarato questa mattina che gli incidenti automobilistici avvenuti sull’ autostrada A100 la sera del 18 agosto 2020, hanno una connotazione terroristica. Secondo quanto dichiarato intorno alle 19.00 un 30enne iracheno identificato come Sarmad S giunto nei pressi dell’uscita tra Wilmersdorf e Alboinstraße – Tempelhof ha speronato una serie di automobili e di motociclisti. L’uomo dopo essersi scontrato frontalmente con un motoiciclista, è sceso dal suo veicolo gridando a piu’ riprese “Allah u

Continua a leggere

Colpo di stato nel Mali, il potere ad un gruppo di militari.

Colpo di scena nel tormentato e poverissimo Mali, lo scorso 18 agosto 2020 alcuni esponenti delle forze armate hanno arrestato a Bamako il presidente maliano Ibrahim Boubacar Keïta, il Primo Ministro Boubou Cissé, l ministro dell’Economia e delle Finanze Abdoulaye Daffe, quello degli Affari Esteri Tieblé Dramé e il Presidente del Parlamento Moussa Timbine. I rivoltosi hanno confermato la paternità dell’operazione con un comunicato diffuso in serata : “Possiamo dirvi che il presidente e il primo ministro sono sotto il nostro controllo. Li abbiamo arrestati a casa del

Continua a leggere

In Mozambico cade la città Mocimboa da Praia che ora è nelle mani dell’Isis

Dopo giorni di furibondi combattimenti iniziati lo scorso 5 agosto 2020 i ribelli del gruppo jihadista “Ahlu Sunnah Wa-Jama”, una milizia islamista attiva dal 2017 nel nord del Mozambico che ha dichiarato la loro fedeltà allo Stato Islamico, hanno ripreso negli scorsi giorni, possesso della citta’ portuale di Mocimboa da Praia (nord del Mozambico). Mocimboa da Praia e il suo porto, sono ritenuti strategici dalle milizie jihadiste per la sua posizione nella provincia di Cabo Delgado che è un centro

Continua a leggere

Notte di follia islamica a Bangalore, tre morti e 60 agenti feriti a causa di un post su Facebook giudicato “blasfemo”.

E’ massima allerta a Bangalore capitale dello stato indiano meridionale di Karnataka e centro d’eccellenza dell’industria tecnologica del Paese, dopo gli incidenti scoppiati la scorsa notte. Tre persone sono rimaste uccise mentre 60 agenti di polizia sono rimasti feriti dalle pietre lanciate dalla folla inferocita (piu’ di 600 persone) composta da fedeli musulmani scesi in piazza armati di bastoni, sassi e bottiglie incendiarie, per protestare dopo la pubblicazione su Facebook, di un post che a loro dire offendeva il profeta

Continua a leggere

Un musicista nello stato settentrionale di Kano (Nigeria) è stato condannato a morte per impiccagione “per aver bestemmiato contro il profeta Maometto”.

Il tribunale superiore della Shari’a della zona di Hausawa Filin Hockey (Stato di Kano- Nigeria) negli scorsi giorni ha dichiarato che il 22enne Yahaya Sharif-Aminu, si è reso colpevole di blasfemia per aver composto e cantato una canzone che ha poi fatto circolare tramite attraverso WhatsApp lo scorso mese di marzo 2020.  Sharif-Aminu prima della condanna era un dei tanti musicisti di canti islamici che nel nord della Nigeria nessuno conosceva se non all’interno della sua setta Tjjaniya ma che

Continua a leggere

” Un Milione di Droni Fuori Controllo” Panorama 05.08.2020

di Stefano Piazza- Luciano Tirinnanzi Dopo la telefonia mobile e il 5G, si apre un nuovo fronte anti-cinese. Nel mirino stavolta ci sono i droni commerciali e il loro più grande produttore al mondo: la cinese Dji. Fondata a Shenzhen nel 2006 dall’ingegnere Wang Tao, la società rappresenta circa il 77% delle vendite globali di droni. Il che spaventa soprattutto Washington, certa che i droni siano il nuovo «cavallo di Troia» tecnologico che Pechino ha inviato in America e in

Continua a leggere

Il disastro farà guadagnare soltanto Erdogan. l’intervista di Andrea Morigi a Stefano Piazza ( Libero 06.08.2020)

di Andrea Morigi Giunto ormai da mesi sull’orlo dell’abisso con il default finanziario, messo in ginocchio dall’emergenza Covid-19 il Libano si vede precipitato improvvisamente verso un punto di non ritorno. Prevale il fatalismo, fra gli abitanti della capitale: «Non importa quanto è dura la situazione, la nostra unica certezza è che domani sarà peggio», dicono i loro tweet rassegnati dopo la strage di martedì. A meno che, con le principali infrastrutture disintegrate dalle esplosioni, scatti l’ora della risurrezione. Stefano Piazza,

Continua a leggere

Barcellona e la “Sagrada Familia” ancora nel mirino. Arrestati due algerini pronti a colpire.

Nuova operazione antiterrorismo a Barcellona dove negli scorsi giorni due cittadini algerini di 41 e 43 anni, sono stati arrestati dai “Mossos d’Esquadra”. I due facevano parte di una cellula scoperta nel 2017 che ad un certo punto pareva scomparsa dai radar. L’intuito degli investigatori catalani ha fatto si che i due algerini venissero da tempo monitorati fino all’arresto avvenuto proprio mentre era in corso secondo la polizia “la pianificazione avanzata di un attacco con esplosivi a Barcellona”. Gli inqurenti

Continua a leggere

Annullata la condanna a morte contro Džochar Anzorovich Tsarnaev. Insorgono le famiglie delle vittime della strage alla maratona di Boston del 15 aprile 2013

Con una sentenza di 182 pagine che ha fatto infuriare le famiglie delle vittime, la Corte d’appello degli Stati Uniti  ha stabilito che George A. O’Toole Jr., il giudice nel processo a Džochar Anzorovich Tsarnaev responsabile con il fratello Tamerlan (deceduto il 19 aprile 2013 per le ferite riportate dopo uno scontro con la polizia) dell’attacco alla maratona di Boston, avvenuto il 15 aprile 2013 “non ha soddisfatto lo standard  di equità mentre presiedeva selezione della giuria”. I due fratelli ceceni arrivati negli USA come

Continua a leggere

Il Sultano e i Social Network

Il Sultano di Ankara e Fratello musulmano Recep Tayyip Erdoğan dopo l’operazione “Santa Sofia”, prosegue imperterrito nel suo delirio di onnipotenza approfittando della consueta debolezza dell’UE e degli Stati Uniti a loro volta occupati con le conseguenze della gestione nefasta dell’emergenza Sars Cov-2. Stavolta dopo la chiusura dei giornali, dei siti web e delle le televisioni turche sgradite al potere (le altre sono finite sotto il controllo del governo islamico),dopo le centinaia di giornalisti licenziati, arrestati e condannati, tocca ai

Continua a leggere

Dopo Santa Sofia toccherà alla Cattedrale di Cordova?

Negli scorsi giorni l’emiro di Sharja e membro del Consiglio supremo federale degli Emirati Arabi Uniti e docente universitario di storia, Sultan III bin Muhammad al-Qasimi ha chiesto che la cattedrale di Cordova venga restaurata e diventi come accaduto alla basilica di Santa Sofia, una moschea. Durante  un’intervista a “Sharjah News” l’Emiro ha dichiarato: “Per lo meno, chiediamo il ritorno della moschea di Cordova, che è stato concesso alla chiesa, in quanto questo è un dono che non appartiene a coloro che non meritano esso“. Le dichiarazioni di Muhammad al-Qasimi stanno

Continua a leggere

Le dimissioni di Michael Lauber

Lo scorso 22 Luglio 2020 il Tribunale amministrativo federale (sentenza A-2138/2020) ha respinto il ricorso del Procuratore generale della Confederazione Michael Lauber che aveva ricorso contro il taglio del suo stipendio. La decisione era stata presa dall’autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione in seguito a numerose vicende che avevano dimostrato alcune irregolarità nel suo operato. In particolare Michael Lauber, era finito nell’occhio del ciclone a seguito degli incontri avuti con il Presidente della FIFA Gianni Infantino che lo stesso Procuratore

Continua a leggere

Furia iconoclasta islamica in Pakistan. Distrutta una statua del Buddha su ordine di un religioso locale.

Una statua di Buddha, affiorata durante l’edificazione di una nuova casa nel distretto di Mardan (Khyber Pakhtunkhwa) Provincia della Frontiera del Nord Ovest, una delle quattro province del Pakistan con capitale Peshawar a maggioranza etnica Pashtun, è stata fatta a pezzi dagli operai del cantiere in quanto “reliquia non islamica”. La casa in costruzione si trova nel distretto e area storica di Takht Bhai distretto di Mardan, che un tempo era l’epicentro dell’antico regno di Gandhāra oggi collocato nelle regioni del Pakistan settentrionale

Continua a leggere

The Bosnian jihadist connection. Condannato a New York Nihad Rosic, era un finanziatore della katiba bosniaca in Siria.

Il 32enne Nihad Rosic, alias Yahya Abuayesha Mudzahid di Utica (New York) è comparso ieri mattina davanti al Procuratore distrettuale Catherine D. Perry che lo ha condannato a 96 mesi di carcere “per aver cospirato contro gli Stati Uniti e per aver fornito supporto materiale ai terroristi”. Rosic a causa della sua pericolosità sociale inizierà subito a scontare subito la sua condanna. Secondo le prove raccolte dagli investigatori Nihad Rosic aveva costituito un gruppo di fiancheggiatori composto da Armin Harcevic,

Continua a leggere

THE PAKISTAN AND INTERNATIONAL TERRORISM interview with Faran Jeffery (Panorama.it)

The United States has long accused Pakistan of tacitly supporting the Afghan Taliban and its allies, including the Haqqani Network Armed Group (HQN), in their fight against US-led NATO forces in neighbouring Afghanistan and reiterated this in their latest US Department of State Annual Terrorism Report for 2019. The Pakistani government, on the other hand, said it was “disappointed” at the report, which it considered “contradictory and selective”. Then Pakistan remains on a “grey list” managed by the Financial Action Task

Continua a leggere

IL PAKISTAN E IL TERRORISMO INTERNAZIONALE intervista a Faran Jeffery ( Panorama.it)

Panorama ha chiesto a Faran Jeffery (foto), ricercatore dell’Islamic Theology of Counter Terrorism (ITCT) londinese, quali siano i rapporti tra Pakistan e terrorismo nel loro paese e nel mondo (Italia inclusa). Quello che ne emerge? Uno scenario preoccupante. Gli Stati Uniti hanno a lungo accusato il Pakistan di sostenere tacitamente i talebani afghani e i loro alleati compreso il gruppo armato della rete Haqqani (HQN), nella loro lotta contro le forze NATO guidate dagli Stati Uniti nel vicino Afghanistan. Recentemente

Continua a leggere

Pakistan – Vivere e Morire nell’Inferno dei Cristiani (Panorama 15.07.2020)

di Stefano Piazza- Luciano Tirinnanzi  L’ultima vittima dell’odio religioso contro i cristiani in Pakistan è Nadeem Joseph. mono lo scorso 29 giugno dopo cinque interventi chirurgici a seguito di un’aggressione. Motivo? La presenza di una famiglia cristiana nel quartiere musulmano di Swati Phatak di Peshawar era ritenuta inaccettabile dagli abitanti. Dopo che gli avevano bruciato le porte di casa. Nadeem aveva ricevuto un ultimatum: 24 ore di tempo per lasciare il quartiere. Detto tatto, la sera dcl 4 giugno un

Continua a leggere

GERMANIA E SPAGNA ANCORA NEL MIRINO DELL’ISIS

Dall’alba di questa mattina è in corso a Berlino una gigantesca operazione di polizia voluta dall’Ufficio per le indagini penali di Berlino (LKA).Le autorità hanno firmato 20 mandati di cattura 12 dei quali sono “per finanziamento al terrorismo” gli altri per “frode” e “minacce alla sicurezza dello Stato”. Nell’operazione nella quale sono stati mobilitati 450 ufficiali e funzionari di polizia hanno fin qui perquisito 19 proprietà ( case e magazzini) nei distretti di Reinickendorf, Charlottenburg-Wilmersdorf, Friedrichshain-Kreuzberg e Tempelhof-Schöneberg. Berlino è

Continua a leggere

La Basilica di Santa Sofia diventa Moschea nel silenzio dell’Occidente.

Negli scorsi giorni la 10° sezione del tribunale amministrativo del Consiglio di Stato di Ankara ha dato il via libera all’unanimità ( impossibile che qualcuno potesse votare contro) affinchè la basilica di Santa Sofia “diventi un luogo di culto islamico”, quindi una moschea. La basilica bizantina che dal 1985 è patrimonio dell’Unesco, rimase una chiesa dal IV secolo fino al 1453, anno nel quale divenne moschea a seguito della caduta di Costantinopoli che venne conquistata dall’esercito turco guidato dal sultano Maometto II.

Continua a leggere

Qatar- Italia Cooperazioni Pericolose (Panorama 08.07.2020)

di Stefano Piazza – Luciano Tirinnanzi Il Senato della Repubblica approva, Luigi Di Maio sorride. Il motivo? L’Italia ha autorizzato il Qatar a finanziare la costruzione di 45 moschee e centri islamici in tutta Italia, di cui 11 solo in Sicilia. Costo complessivo: 50 milioni di euro. Moschee la cui gestione, purtroppo, è già finita nelle mani dei Fratelli musulmani. Ovvero, nelle mani di «un Islam radicale e politico, incompatibile con i valori democratici», come denunciato da Saïda Keller-Messahli autrice della

Continua a leggere

Hisham al-Hashimi uno dei maggiori esperti di anti-terrorismo del Medio Oriente è stato ucciso a Baghdad

Hisham al-Hashimi uno dei maggiori esperti di anti-terrorismo del Medio Oriente, è stato assassinato la notte di lunedi 6 luglio 2020. al-Hashimi che era nato a Baghdad nel 1973 e che era un profondo conoscitore dei fenomeni terroristici legati all’estremismo sunnita Isis e Al Qaeda, e quello delle milizie filo-iraniane degli Hezbollah, aveva appena parcheggiato la sua auto di ritorno dagli studi televisivi dove aveva rilasciato una lunga intervista. Appena arrivato nel vialetto di casa un uomo a volto coperto

Continua a leggere

30 anni di carcere per l’emiro francese dell’Isis. Era stato arrestato nel 2015 in Turchia poco prima di tornare in Europa

Lo scorso 3 luglio 2020 , poco dopo le 23:00, la corte d’assise speciale di Parigi ha condannato a 30 anni di carcere due terzi dei quali da scontare in una struttura di massima sicurezza,  il jihadista francese Tyler Vilus “per avere avuto un ruolo di primo piano nel gruppo terroristico Stato islamico in Siria”. Il 30enne Vilus era partito per la Siria nel 2012 dove era diventato quasi subito, uno dei leader piu’ influenti della “katiba” franco-belga dell’Isis. Come riportato

Continua a leggere

Francia Fuori Controllo (Panorama 01.07.2020)

di Stefano Piazza – Luciano Tirinnanzi  La pace sociale in Francia è perduta. E i recenti scontri di Digione ne sanciscono il de profundis. Ma, ancor prima. ci sono stati gli Champs-Elysées violentati dai Gilet gialli. ll sovranismo incendiario di Marine Le Pen. Gli innumerevoli attacchi antisemiti. Il terrorismo stragista dell’Isis. Per non dire di quell’Islam politico che per decenni si è avvantaggiato del multiculturalismo. e che ormai è stato infiltrato da elementi radicali del tutto fuori controllo (ne fanno

Continua a leggere

14 tonnellate di anfetamine “Captagon” sequestrate nel porto di Salerno.I container erano intestati ad una società domiciliata nel Canton Ticino

1 miliardo di euro, è questo è il valore delle 84 milioni di pasticche pari a 14 tonnellate di anfetamine “Captagon“ vendute dai 5 ai 20 dollari a pastiglia, sequestrate nelle scorse settimane nel porto di Salerno, anche se la notizia è stata diffusa solo ieri (1°luglio 2020) . Si tratta del piu’ importante sequestro di stupefacenti a livello mondiale che è stato messo a segno dai funzionari della Guardia di Finanza di Napoli per conto della Procura della Repubblica del capoluogo campano, che da mesi seguiva le

Continua a leggere

Tyler Vilus, l’emiro francese dell’Isis sotto processo a Parigi

E’ iniziato lo scorso 25 giugno 2020 davanti alla corte speciale per il terrorismo di Parigi il processo a carico del jihadista francese Tyler Vilus- Abou Hafs, accusato di  “essere stato alla guida di un gruppo terroristico, associazione criminale e di aver commesso omicidi in Siria tra il 2013 e il 2015”. Tyler Vilus è nato e cresciuto a Troyes (regione dell’Aube) da padre della Martinica (evangelista cristiano), e da Christine Rivière detta “Mamie Jihad” (in Siria indossava sempre una

Continua a leggere

Coca e Tulipani (Panorama 24.06.2020)

di Stefano Piazza- Luciano Tirinnanzi Nei Paesi Bassi, che rivendicano la loro «diversità» calvinista, si concentrano anche poderosi traffici di droga: cocaina dal Sudamerica, marijuana dal Nord Africa, droghe sintetiche di produzione locale. E di conseguenza prosperano le principali mafie. Narco-Stato», «Mocro Maffia», «Penoze». Sono alcuni degli appellativi derivati dallo slang per definire l’anima criminale dei Paesi Bassi. Sì, perché proprio nella calvinista Olanda di Mark Rutte – il premier che non perde occasione per sottolineare la superiorità rispetto all’Italia

Continua a leggere

Nuova truffa allo Stato tedesco e anche stavolta si tratta di due fondamentalisti

 Qualche giorno fa è stata scoperta a Berlino nell’ambito di una massicia operazione alla quale hanno partecipato 250 funzionari della di polizia criminale di stato (LKA), una nuova truffa perpetrata nell’ambito degli aiuti concessi dallo Stato tedesco attraverso la Investitionsbank Berlin (IBB) alle imprese a seguito della pandemia SARS-CoV-2. Anche stavolta come accaduto nel maggio scorso, i sospettati sono due esponenti di una moschea di orientamento fondamentalista-salafita. Si tratta della moschea denominata “Ibrahim al-Khalil”, che si trova in Colditzstrasse (Berlino-Tempelhof)

Continua a leggere