Su Hamza bin Laden una mini taglia da 1 milione di dollari ma il terrorismo islamico è piu’ forte che mai.

Hamza bin Laden figlio prediletto dell’ex fondatore e icona al Qaeda Osama bin Laden, ha perso la cittadinanza dall’Arabia Saudita. Il governo di Riad lo ha annunciato subito dopo la notizia che il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, è disposto a pagare 1 milione di dollari “per informazioni che portano all’identificazione o alla posizione in qualsiasi paese di Hamza bin Laden” che viene descritto come uno dei “leader chiave di al-Qaeda”. La comunicazione del governo saudita è stato pubblicata sulla “Gazzetta Ufficiale del Regno” di venerdi scorso ma il Ministero degli Interni ha dichiarato che la revoca, è avvenuta tramite decreto reale lo scorso novembre. Nessuno conosce i motivi per i quali la notizia è stata resa pubblica solo oggi. La notizia arriva mentre non si sono ancora spenti gli echi di quanto accaduto durante l’assedio all’ultimo bastione dello Stato islamico, il villaggio di Al Barghouz sull’Eufrate, definito come l’ultima roccaforte siriana dell’Isis. Qui le forze curdo-arabe sostenute dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna hanno trovato tra i cassonetti della spazzatura 50 teste di ragazze yazide. Prima della caduta dell’ultimo bastione delle bandiere nere dell’Isis, le giovani rapite dai miliziani dell’Isis, erano diventate schiave del sesso per poi essere uccise, decapitate e gettate tra i rifiuti. Ancora una volta nel momento della sconfitta finale, così come fatto a Mosul e Raqqa, i jihadisti hanno dato nuovamente dato prova di una crudeltà che sfugge a qualsiasi comprensione, accanendosi ancora su queste giovani donne. Tra i responsabili di questa ennesima barbarie ci sono molti foreign fighters europei, per i quali in molti chiedono clemenza al punto da voler riportarli in Europa “per evitare che vengano condannati a morte in processi sommari”. Nonostante continuino ad arrivare notizie che parlano di massacri di civili commessi dai jihadisti durante l’assedio di Al Barghouz, c’è ancora chi si indigna per la revoca della nazionalità della jihadista inglese Shamima Begum, di nazionalità britannica ma di origini bengalesi, cresciuta a Londra e che all’età 15 anni, ha lasciato la capitale per volare in Siria, dove si era sposata con un jihadista. Il Centro Internazionale per l’Anti-Terrorismo (ICCT)ha stimato che la presenza media femminile nel “Siraq” si aggira intorno al 17% – 20% del totale dei foreign fighters europei, che sarebbero tra i 3922 e i 4294 individui.La giovane donna non ha mai rinnegato quanto fatto e da qui arriva la decisione del governo inglese di revocarle la nazionalità, il quale deve già fronteggiare la minaccia terroristica interna e il rientro dei propri foreign fighters. Solo nel 2018 almeno 400 inglesi sono tornati nel Regno Unito dopo aver combattuto per gruppi come Isis, Al Qaeda o per il Fronte al-Nuṣra,e altri ne rientreranno causando enormi problemi di sicurezza nazionale, per non parlare dei costi a carico del contribuente visto che il reinserimento sociale di chi taglia gole e decapita nel “Siraq”è impossibile o quasi. La caduta di Al Barghouz sta illudendo tutti coloro che sono disposti a credere che la minaccia terroristica islamica sia ormai terminata, un po’ come accadde con la morte di Osama Bin Laden. La realtà invece è molto diversa: in Europa e nei Balcani non si ferma l’enorme flusso di denaro che serve a finanziare moschee e associazioni gestite da estremisti che generano terroristi, così come non si ferma la pressione esercitata dalla Fratellanza musulmana, braccio armato dell’islam politico, affinchè l’islam conquisti sempre più spazi nelle istituzioni, nelle università, nelle scuole e in tutta la società europea. Coloro che sono impegnati in questa vera operazione di conquista sanno benissimo di poter contare sull’arrendevolezza dell’Occidente e su molti politici di pastafrolla, che confondono la libertà di culto e l’integrazione, con le preghiere pubbliche a natiche per aria, sui marciapiedi, nei parcheggi e per la strada. Nel “Siraq” con il progressivo ritiro degli americani voluto dal sempre più improbabile e confuso Donald Trump, tutto è pronto per la rinascita del califfato considerando che il leader dell’Isis Abu Bakr Al Baghdadi, è ancora vivo e vegeto. Chi ha letto gli ultimi rapporti del Pentagono (Trump come noto non li legge e non ascolta) sa che ad esempio a Idlib e nel nord della Siria, ci sono ancora decine migliaia di jihadisti affiliati allo Stato islamico e ad Al Qaeda. È stato deciso a tavolino che di loro si devono occupare Russia, Turchia e Iran ma allo stato odierno la situazione è bloccata. In questo contesto la Turchia spinge per allargare la sua «fascia di sicurezza» dopo aver invaso nel silenzio generale il cantone curdo di Afrin, dove oggi nelle scuole si insegna la lingua turca e dove vige ormai la disastrata economia di Ankara. Il caos quindi ritornerà anche perché non sono certo venute meno le motivazioni della guerra in Siria iniziata nel 2011. A chi ha poca memoria è opportuno ricordare che tutto iniziò con una rivolta popolare contro il regime alauita di Bashar el Assad, trasformatasi velocemente in una guerra per procura (che ha fatto 500.000 morti) contro la pesante influenza dell’Iran, e con il coinvolgimento di Turchia, Russia, le petromonarchie del Golfo e delle potenze occidentali, che pur di abbattere il regime hanno sostenuto i jihadisti, salvo pentirsene e tornare maldestramente sui loro passi. Il crollo territoriale delle Stato islamico non è la fine del terrorismo: l’odio settario sunnita rimane forte sia in Siria che tra la minoranza sunnita dell’Iraq, potendo contare sul fatto che le potenze arabe sono sempre pronte a gettare benzina sul fuoco. Non è mai scomparsa inoltre la fascinazione per la costruzione dello “Stato perfetto” dove vivere governati dalla sharia è quantoaccade nelle Filippine, Indonesia, Malesia e in alcuni paesi africani, non può che farci paura.

@riprodzione riservata

 

 

 

Leave a reply:

Your email address will not be published.

Site Footer